Anno XI

lunedì, 25 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : obiettivo scuola

Buonriposi: "Gli insegnanti, come medici e infermieri, non possono non vaccinarsi"

domenica, 10 gennaio 2021, 12:28

di mariella bonacci

Obiettivo scuola vuole essere una rubrica che focalizza in modo particolare i vari problemi che coinvolgono il pianeta scuola. La scuola negli ultimi trent’anni ha subito tagli e mancanze di risorse portando ad una inefficiente formazione per le nuove generazioni.

L’istruzione come la sanità sono due principali cardini del nostro paese che coinvolgono in maniera diretta e indiretta anche il settore lavorativo ed economico. In tempo di covid i nodi sono venuti fuori e le criticità  ulteriormente aumentate; un paese e un governo che non investono in maniera prioritaria su questi settori non hanno futuro. Riteniamo con questa rubrica mettere in evidenza ciò che accade, cercheremo di ascoltare tutte le figure professionali che ruotano attorno al “pianeta scuola” e che coinvolgono settori produttivi della società quali cooperative, servizi mensa, oltre ai principali attori: insegnanti, dirigenti, sindacati, Ata e molti altri.

Questa settimana partiamo da una voce autorevole: Donatella Buonriposi provveditore agli studi di Lucca e Massa Carrara.

Donatella Buonriposi provveditore di Lucca, Massa e Carrara le chiediamo: quanto è ancor più oneroso il suo ruolo in tempo di covid?

Come per tutti, i problemi sono aumentati e avendo più province non è semplice stare dietro ai cambiamenti in atto e rapportarsi con docenti, dirigenti scolastici, sindaci, presidenti di provincia e prefetti. Ma a volte lavorare su più binari ha anche i suoi vantaggi come quello di poter fare più confronti, trasferire le buone pratiche e confrontare diversi risultati. 

Cosa è cambiato e cosa si deve ancora fare per una scuola già in affanno, ancor più in questi tempi?

La pandemia ha messo in evidenza quanto la scuola sia davvero importante nel contesto sociale tanto quanto la sanità. Sono emerse le criticità che sono tante, ma anche i suoi punti di forza. Gli operatori scolastici hanno messo in campo tutte le migliori energie dimostrando senso di responsabilità e attenzione per gli studenti, non parlerei tanto di cose da cambiare quanto di cose da fare: mettere in sicurezza gli edifici scolastici, stabilizzare il personale, attivare un robusto piano di formazione per tutto il personale, unico su tutto il territorio nazionale al fine di ridurre il più possibile le diversità tra territorio e territorio, tra regione e regione, maggiore autonomia ai dirigenti scolastici nel reclutamento del personale. Contestualmente avere un progetto chiaro di scuola del futuro, nuovi modelli e nuovi ambienti di apprendimento e soprattutto quale cittadino di domani vogliamo.

Secondo lei dovrebbero essere obbligatori i vaccini a tutto il personale docente e non? E se si perché?

La obbligatorietà per tutti è sempre una decisione pesante. Riterrei necessario, però, individuare alcune condizioni per il cui svolgimento è necessario essere vaccinati. Esempio la professione di infermiere o di medico o di insegnamento non può essere svolta se non si è vaccinati. In parallelo ci vuole una attenta e capillare campagna informativa perché i cittadini si vaccinino spontaneamente.

Sempre più i docenti sono sotto i riflettori non per la loro fatica e professionalità, ma per atteggiamenti ritenuti negativi dall’opinione pubblica. Secondo lei tutto questo è logico o si può rimediare?

I docenti svolgono un lavoro molto delicato e come i medici sono sottoposti a critiche, denunce e accuse di vario tipo. La pandemia ha messo in evidenza che abbiamo invece delle ottime professionalità spesso poco valorizzate dallo Stato stesso che sembra insensibile, indifferente a riconoscere e difendere il proprio capitale umano, anzi spesso ostenta atteggiamenti ostili e punitivi nei confronti di questo personale disconoscendone il merito. E questo è un aspetto sul quale ci sarebbe molto da fare. Certo educare è sempre più difficile e se da una parte la famiglia delega questo compito alla scuola dall’altra non accetta che la scuola cerchi di correggere atteggiamenti e comportamenti sbagliati. Ultimi fatti dimostrano che spesso i genitori non sono preparati a svolgere questo ruolo e si affidano addirittura ai social che fanno gravi danni.

La formazione didattica, l’insegnamento delle regole e in questo anno l’introduzione dell’educazione civica saranno prioritarie, oppure nessun allievo deve avere un brutto voto, non può essere richiamato o punito… ma sempre giustificato? Faccio appunto riferimento a molti casi avvenuti nel mese precedente che hanno indignato l’opinione pubblica.

Le regole ci vogliono e l’educazione civica è uno strumento per insegnare la civile convivenza, ma non basta, conta molto di più l’esempio che i docenti sapranno dare usando amorevolezza, convinzione dei valori che intendono trasmettere. Loro come i genitori sono dei modelli che lasceranno segni indelebili.

Lei ritiene che non sia il caso di mettere telecamere in ogni presidio scolastico? 

Sulla questione telecamere ci vuole grano salis, da preside le misi subito non nelle classi, ma nei corridoi e all’ingresso della scuola. Sono decisioni che dobbiamo assumere anche in sintonia con la questura. 

Tornando al tempo del covid, come prevede il ritorno a scuola di tutti gli studenti? Sul se si ritorna e come si torna c’è ancora abbastanza confusione tra regione e regione. Si possono prevedere in questa seconda fase investimenti maggiori come termoscanner e una migliore rete informatica?

Le scuole sono pronte a rientrare e durante le vacanze è stato fatto un grosso lavoro, ben coordinato dai prefetti, sulla questione trasporti. Non si è perso tempo perché comunque ce lo ritroveremo al rientro definitivo. Certo questi tentennamenti e cambiamenti all’ultimo minuto mandano in crisi la scuola e le famiglie creandoci non pochi problemi. Per questo dico che forse “affrontare il toro per le corna” sarebbe la cosa migliore posticipando fino al 31 gennaio la riapertura e nel frattempo riprendere la questione dei test rapidi da fare a scuola. Il piano vaccinale richiede tempi lunghi e gli insegnanti si prevede di vaccinarli a settembre! I Termoscanner non li vedrei necessari, piuttosto dobbiamo potenziare le infrastrutture informatiche e potenziare la connettività che è molto deficitaria nel nostro paese e nelle nostre scuole. Io mi sono attivata in tal senso chiedendo un intervento alla Fondazione Cassa di Risparmio che ha già dato la sua massima disponibilità. Stanno infatti facendo una capillare ricognizione sulle singole scuole per intervenire sulle maggiori esigenze e sulle criticità da loro evidenziate. 

Per quanto riguarda l’assunzione dei docenti (personale che manca attualmente) ritiene opportuno fare i concorsi in questo periodo o suggerirebbe una soluzione diversa?

La grande piaga della nostra scuola è il precariato, lo vado ripetendo da anni. Dobbiamo dare stabilità e continuità alla scuola. In questa fase francamente avrei evitato i concorsi, ma avrei valutato e valorizzato i tanti anni di servizio già svolto da la gran parte dei docenti. Poi sarei passata alla fase concorsi per reperire forze nuove e fresche, con concorsi pensati in modo molto diverso che possano realmente far emergere il merito è le capacità dei singoli. 

Qual è la sua idea di scuola e se fosse ministro quali sarebbero le sue priorità per far funzionare meglio questo immenso meccanismo? 

Vita dura in questa epoca per i ministri! Come le ho già detto dobbiamo intervenire su reclutamento del personale, valutazioni attitudinali, formazione seria su tutto il territorio e, infine, fondamentale rivedrei tutti i parametri per la formazione delle classi.


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


domenica, 24 gennaio 2021, 22:08

Tris di donne contro la violenza

Marina Manfrotto, Gina Truglio e Gemma Urbani hanno inviato questo intervento a proposito degli ultimi episodi di intolleranza verso le donne


venerdì, 22 gennaio 2021, 19:28

Divieto di pubblicità sui giochi a distanza

A partire dal mese di agosto del 2018 l’Italia ha applicato il divieto di pubblicità sul gioco d'azzardo, dando inizio a una vera rivoluzione che ha colpito più settori in maniera globale. Gli operatori si sono interrogati per molto tempo sul da farsi, anche rispetto alle collaborazioni sportive e calcistiche...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 gennaio 2021, 12:44

Biblioteca statale Lucca: "No alla gestione della società esternalizzata Ales"

Il senatore Andrea Marcucci annuncia che la biblioteca statale di Lucca non chiuderà, grazie all'impiego di personale Ales. Ma la prospettiva viene contestata dagli attivisti di Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali


venerdì, 22 gennaio 2021, 11:35

Come scegliere un PC portatile

Con la vasta scelta di notebook che è possibile reperire sia online che nei tradizionali negozi non è mai facile scegliere quello che possa fare al caso nostro. Se non vi considerate dei grandi esperti di elettronica di consumo ed informatica ecco una lista con i nostri consigli riguardanti i...


mercoledì, 20 gennaio 2021, 20:57

A volte ritornano. Michele Francesconi: "Vorrei credere in un futuro sostenibile"

Riceviamo e non senza sorpresa volentieri pubblichiamo questa riflessione di Michele Francesconi in vista delle elezioni amministrative lucchesi e sul futuro della nostra città. Lo ricordavamo impegnatissimo agli albori dell'ultima campagna elettorale per, poi, scomparire all'improvviso senza lasciare traccia...


mercoledì, 20 gennaio 2021, 15:12

Le guide turistiche scendono in campo per la difesa della biblioteca di Stato

Lucca Info&Guide, Consorzio Turislucca, La Giunchiglia - Guide Turistiche hanno indirizzato una lettera aperta alle autorità amministrative e culturali cittadine contro la chiusura della biblioteca di piazza Santa Maria Corteorlandini