Anno XI

martedì, 2 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : la lanterna

"E' una ininterrotta decrescita infelice, ma Draghi può fare qualcosa"

lunedì, 22 febbraio 2021, 21:26

di francesco pellati

Caro direttore,

Ho letto il tuo appassionato ma pessimista articolo.

La tua tesi mi pare essere che Draghi o non Draghi, l’Italia nei guai è e nei guai resterà.

Lasciami concordare solo in parte con la tua nefasta diagnosi.

Tanto per cominciare, Draghi ha competenze e credito internazionale molto maggiori di Conte e i nuovi ministri sono più accreditati dei precedenti. Tanto è vero che la sola ipotesi di un suo governo ha fatto diminuire il famoso spread di 25 punti base ed aumentare i corsi della borsa italiana del 7%. Vuol dire che gli italiani hanno qualche miliardo in meno sul groppone per pagare il mostruoso debito pubblico accumulato in anni di politica fatta di distribuzioni di panem et circenses per ingraziarsi il favore degli elettori, senza avere neanche la voglia di chiedersi come creare la ricchezza per pagare i debiti che facevamo.

Per di più tutti gli indicatori economici prevedono che con Draghi al governo, il famoso spread cali attorno a 50 punti base: sono miliardi in meno da pagare da noi e dai nostri eredi.

Tutti sapevano che il tasso di produttività, che indica l’insieme del “valore aggiunto” del sistema produttivo italiano, è statico o negativo da decenni, a fronte della crescita degli altri paesi, ma facevano finta di niente.

Gli elementi politici, culturali ed ideologici che hanno prodotto questo pessimo risultato restano intatti. Hai ragione tu, purtroppo.

Concordo con te che non basteranno i Draghi a invertire questa tendenza che ci condanna alla decrescita felice che è il progetto dei cinque stelle, per fortuna cadenti. Io spero che Draghi ci proverà perché ha una cultura e un curriculum diversi e non ha voti da curare.

Secondo me era impossibile che Draghi non confermasse alcuni scialbi e discussi ministri della sinistra o dei 5 stelle.

Come ben sai, l’Italia ha un sistema parlamentare: anche il governo migliore del mondo, se non ha maggioranze in parlamento, va a casa.

I guai che ci portiamo dietro da anni si sono acuiti nel 2018 quando un italiano su tre ha liberamente dato il voto al m5s. Per libera scelta ci siamo messi nelle mani dei grillini perché? Perché da decenni vogliamo che il paese cambi e lo diciamo col voto. I grillini si proponevano come elemento di cambiamento. In molti ci hanno creduto e solo dopo hanno scoperto che la speranza naufragava nell’oceano delle loro incompetenze, arroganze e inconsistenze.

Per di più prima la lega e poi l’intero centro sinistra si mise a disposizione dei grillini per governare l’Italia.

Errore di Salvini, ma errore più grave del centrosinistra intero.

Il PD e’ da sempre un, anzi il, partito di sistema. Il vecchio pci aveva rinunciato alla rivoluzione proletaria almeno dai tempi di Berlinguer. Poi ha accolto i rottami di sinistra della D.C. che hanno ulteriormente “sistemizzato” il partito, ne hanno occupato i vertici, si sono definitivamente mangiati la rivoluzione a favore di un costoso ed ipocrita solidarismo, vi si e’ aggiunta la dottrina di papa Francesco. Accoglienza indiscriminata, reddito per tutti gli “sfortunati fratelli”. Neanche un fancazzista o un cialtrone fra loro, sei tu insensibile ed egoista se non ti privi di un po’ dei grandi agi e delle ricchezze di cui godi.

Da quanti anni la parabola dei tre talenti e’ scomparsa dai pulpiti delle chiese italiane? Premia il figlio che ha investito il talento del padre a cui ha restituito due talenti e condanna gli altri due fratelli, uno perché il talento lo ha messo sotto il materasso, l’altro perché lo ha addirittura perso.

Chi paga i debiti che ne derivano? Paga il ceto medio produttivo, peraltro geograficamente ben definito: il centro nord, dove i partiti di sinistra e i grillini non toccano terra.

Di votare non se ne parla. Ma spiegami tu come mai il voto alle politiche è a pericolo contagio, mentre quello amministrativo e’ “covid free”. Lo avrà detto Arcuri fra una mascherina cinese e l’altra.

Fatto sta che l’alleanza del partito di sistema PD con il movimento antisistema ha dato i velenosi frutti che abbiamo mangiato negli ultimi tempi e continueremmo a mangiare se fosse rimasto Conte e il suo governo.

Draghi ha dato uno scossone a tutti i partiti:

Alla Lega che ha abbandonato alcune proposte economiche improbabili e obiettivamente “sovraniste”, da cui derivava un “sovranismo” politico. Salvini o saliva sulla carovana draghi o metteva a rischio l’enorme consenso che era riuscito ad ottenere nel nord Italia: la minaccia proveniva da governatori, iscritti, corpi intermedi di fiancheggiamento, società civile. Il riposizionamento richiede un po’ di tempo: la lega non ha convenienza ad affossare il governo di cui ora fa parte.

Al M5S che si è spaccato fra governisti e seguaci di Di Battista, italico Che Guevara a libro paga di alcuni editori. Prevalgono di gran lunga i “governisti” più che altro preoccupati di stare dove stanno piuttosto che tornare nel loro sito naturale: fare le commesse, vendere bibite, fare i d.j. in locali periferici. Nessun grillino ha convenienza ad affossare il governo.

A F.d.I.. che ha scelto di non salire sul treno. F.d.I eredita una lunga tradizione di esclusione per decenni dal c.d. “arco costituzionale” che, come il vallo di Adriano, divideva i cattivi dai buoni. Soffre meno degli altri di una posizione marginale e scommette sul naufragio di draghi per andare a votare e portare a casa la grande crescita di consenso che ha accumulato (a spese soprattutto della Lega). FdI non ha la forza per affossare il governo.

A F..I. che ha ritrovato l’eterno cavaliere, brutalizzato per decenni dalle offensive della sinistra che lo ha cannoneggiato con le armi più indecenti, oggi diventato padre della patria: i sondaggi dicono che l’emorragia si e’ fermata. F.I. non ha alcuna convenienza ad affossare ora il governo.

Al P.D. che è partito fecondo: ha figliato Renzi, Bersani e Leu, Calenda e il pulviscolo di sinistra. Ha un leader opaco, prima o poi deve trovare soluzioni progettuali che oggi non si vedono: non ha alcuna convenienza ad affossare ora il governo.

In conclusione io sono più ottimista di te sulle prospettive che apre Draghi, che dovrà vedersela non tanto con i partiti quanto invece con i veri padroni del vapore: drizzare le gambe ai cani è operazione molto difficile, Io spero che Draghi ci provi. Poi vedremo.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


martedì, 2 marzo 2021, 09:52

Le Barbantine ringraziano la fondazione Carilucca per i lavori di ristrutturazione alla casa madre

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta che Suor Lauretta Gianesin, superiora generale della Congregazione Ministre Degli Infermi di S. Camillo, ci ha inviato


lunedì, 1 marzo 2021, 15:54

"S.Concordio, perché mettersi di traverso a qualunque iniziativa?"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una cittadina di S.Concordio, Giovanna Guastini, che esprime la sua opinione in merito al dibattito sull'uso degli spazi pubblici


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 27 febbraio 2021, 20:00

L'amarezza e la rabbia di Ferrenti presidente Aics: "Un consiglio comunale senza una parola di sport"

Pubblichiamo volentieri questa bella e, purtroppo, veritiera riflessione del presidente regionale Aics, associazione così importante per l'aggregazione e lo sport a livello amatoriale a cui abbiamo aderito nell'età della beata incoscienza o quasi


sabato, 27 febbraio 2021, 17:12

Colucci: "Grave la discriminazione verso Colombini"

Anche Francesco Colucci, blogger di Lucca, scende in campo per condannare il gesto dei capigruppo di maggioranza di "scollegarsi" durante l'intervento di Andrea Colombini, in consiglio comunale, sulla pandemia


venerdì, 26 febbraio 2021, 14:29

"Manifattura tabacchi, attivare dibattito pubblico"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera dell'architetto Claudio Pardini Cattani in merito alla partecipazione della cittadinanza al dibattito sulla rigenerazione della ex manifattura tabacchi


venerdì, 26 febbraio 2021, 11:54

Violenza sulle donne, ormai è un bollettino di guerra

Mai come in questo periodo storico si parla tanto di violenza sulle donne e se ne discute a tal punto perché mai come nel nostro tempo le donne sono state oggetto di spaventevole violenza da parte degli uomini