Anno XI

venerdì, 18 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Streetwear: quando lo stile della strada diventa desiderio

giovedì, 20 maggio 2021, 09:48

Erano gli anni ´70 quando nacque lo streetwear: quella che ora è considerata una moda, è nata come una vera e propria subcultura. Cosa pensiamo quando diciamo streetwear? Sicuramente ci vengono in mente le immagini dei rapper della West Coast, il Bronx, il ghetto, le tute adidas, i catenoni e le famose sneakers bombate.

Quali sono le origini dello streetwear?

Questo stile è nato come una vera e propria filosofia di vita e possiamo dire che le origini dello streetwear nascano dal punk. Ragazzi che sentivano il bisogno di identificarsi in un’ideologia ed in uno stile di vita specifico iniziarono a personalizzare ed abbinare gli abiti in maniere particolari: il classico esempio sono i jeans strappati.

Lo streetwear vero e proprio però, è quello che si sviluppò nella California degli anni ’80, quando Shawn Stussy, designer di tavole da surf, iniziò a creare un marchio di abbigliamento, trasferendo i disegni che metteva sulle tavole da surf, sulle magliette. Il marchio di Stussy diventò un punto di riferimento per gli appassionati di surf e skateboard e dopo aver acquisito celebrità nella East Coast, conquistò piano piano prima la West Cost, con il primo negozio Stussy aperto a New York, e poi tutto il mondo. E come si dice…il resto è storia. Ad oggi, infatti, è possibile acquistare questo tipo di abbigliamento su negozi streetwear online dedicati a questo tipo di stile.

Il socio di Stussy, James Jebbia, fondò il marchio Supreme, celebre marca legata indissolubilmente allo skateboarding. Chi acquistava i capi di Stussy e di Jebbia, lo faceva per sentirsi parte di un mondo esclusivo, quello della street appunto. La caratteristica principale del loro modello di business era che, per accrescere l’aspettativa nei fan, i pezzi disponibili erano sempre limitati e rilasciati in speciali giorni della settimana.

Come si è diffuso lo streetwear e chi sono gli hypebeast

Lo streetwear come lo conosciamo oggi, è quello portato alla ribalta dai gruppi rap ed hip hop, primi fra tutti Run DMC, con le loro tute Adidas oversize, i berretti in feltro e le sneakers. Questo genere di abbigliamento era perfetto per la break dance e incominciò a prendere piede tra le maggiori crew, evolvendo poi in altri modi, come per esempio nella street-couture: abiti firmati da stilisti di alta moda, che si rifacevano allo streetstyle e che venivano indossati dalle maggiori star rap del momento.

Ancora oggi, lo streetwear è visto come simbolo di esclusività, tanto che esiste una parola che indica le persone che vanno alla ricerca o che collezionano pezzi esclusivi di streetwear: gli hypebeast.

Gli hypebeast amano andare alla ricerca di abiti, scarpe ed accessori in edizione limitata. Questi si possono trovare raramente nei negozi fisici, ma esistono molti siti online, dove è possibile trovare pezzi rari, esemplari di scarpe esclusivi, prodotti solo in numero ridotto e molto altro ancora.

Il concetto principale della filosofia hypebeast è e rimane l’esclusività, ma ciò che è cambiato dagli anni ’80 ad oggi, è sicuramente il significato che si può dare oggi a questo aggettivo. Se negli anni ’70 i ragazzi della street volevano essere esclusivi identificandosi in un gruppo, come i surfers, gli skateboarders ed i rappers, quello che viene evidenziato oggi, attraverso l’acquisto di capi in edizione limitata, è l’esclusività nel vero senso della parola: chi è in possesso di un determinato capo di abbigliamento, desidera poterne fare sfoggio.


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


domenica, 20 giugno 2021, 03:31

Posta Certificata Online: dove fare una PEC?

La posta elettronica certificata è uno strumento digitale che permette di inviare e ricevere mail che hanno una validità giuridica, perché per ogni messaggio scambiato si genera una certificazione di consegna che riporta la data e l’ora della ricezione


martedì, 15 giugno 2021, 10:32

Mini frigo per il vino: le caratteristiche di una cantinetta

Una cantinetta frigo è semplicemente un mini frigo appositamente realizzato per contenere le bottiglie di vino. Dal punto di vista funzionale non esiste nessuna differenza tra un normale mini frigo e una cantinetta, tuttavia, ci sono delle piccole accortezze che classificano la cantinetta frigo più adatta alla conservazione dei vini...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 15 giugno 2021, 09:14

Guida introduttiva al mondo della luce Led

I Led sono delle sorgenti luminose particolari, nati per la prima volta nel 1962. Quando furono prodotti per la prima volta erano solo rossi, ma la loro tecnologia si è enormemente evoluta, arrivando ad essere di ogni colore e di ogni tonalità, dal freddo al caldo


lunedì, 14 giugno 2021, 08:10

Lassù qualcuno ci guarda: riflessione sulla vita e sulla morte

L'amico ed ex fotografo delle Gazzette Fiorenzo Sernacchioli ha voluto inviare al giornale questa sua riflessione che volentieri pubblichiamo consapevoli che si tratta di un con tributo personale particolarmente toccante


sabato, 12 giugno 2021, 21:47

"La vicenda dei Quartieri Social di S.Concordio arriva a Roma"

La vicenda dei Quartieri Social di S.Concordio arriva a Roma. Il senatore Ferrara presenta una interrogazione parlamentare su Piazza Coperta e Galleria Coperta


venerdì, 11 giugno 2021, 18:15

Ex manifattura, l'ultima 'chicca' di Marchini

Riportiamo integralmente l'ultimo post pubblicato sulla sua pagina Facebook dall'ex assessore 'silurato' Celestino Marchini che contiene ulteriori rivelazioni sul progetto della ex Manifattura Tabacchi