Anno 7°

sabato, 6 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sport

Fissata per il 25 maggio la 2^ prova del giro dei quattro comuni a Galleno di Fucecchio

mercoledì, 15 maggio 2019, 15:22

di Valter Nieri

Decenni trascorsi in bicicletta per lo sportivissimo Roberto Campigli che impiega poche pedalate per passare da una provincia all'altra. Abita nella frazione Le Querce in provincia di Firenze ed annualmente con il Giro dei 4 Comuni, organizzato dal suo gruppo sportivo, mette in mostra l'unicità di un territorio che si estende a cavallo delle province di Lucca, Pistoia, Firenze e Pisa.

Nella frazione Spianate del comune di Altopascio si corse il 30 marzo la prima prova della 24.a edizione. A Galleno di Fucecchio è in programma per sabato 25 maggio la 2.a prova che si avvale del patrocinio dei comuni di Altopascio, Castelfranco di Sotto, Fucecchio e S.Croce sull'Arno.

A livello cicloamatoriale questo giro è particolarmente conosciuto ed apprezzato anche fuori regione ed alla partenza si sfiorano sempre le 200 unità. Sono in procinto di iscriversi anche la squadra ligure della Monegliese, l'Invercolor di Bologna, il team Vallone che ha sede ai confini fra Umbria e Toscana ed una squadra veneta con il più volte campione italiano Gianmarco Agostini, oltre alle storiche toscane e le lucchesi Ciclo Team San Ginese e Team Stefan.

Una corsa che si snoda su un circuito ondulato di 13 chilometri che presenta la lieve asperità della zona Le Vedute di Fucecchio su un bellissimo tratto della Francigena, da ripetersi quattro volte. Il ritrovo è fissato al Bar Caffè L'Angolo in località Biagioni ed il via sarà dato ufficialmente alle 15,15 su un tratto turistico obbligato prima della competizione agonistica intorno alle 15,30.

Roberto Campigli, cicloamatore di 62 anni, oltre ad organizzare le corse è sempre sulla breccia a livello agonistico nella categoria supergentleman. Affiliato alla Csen-Unlac fra le decine di gare che ha organizzato ce ne sono due particolarmente significative: "Amo la competizione - dice - e cerco sempre di spendere ogni energia in funzione del ciclismo. Fra le tante gare che ho organizzato le più importanti sono state il campionato europeo nel 2013 ed il campionato mondiale Csen Unlac nel 2015. Le mie corse si snodano sempre ai confini delle 4 province. Cerco la sfida, non disdegno la fatica ma soprattutto quella sensazione di libertà che soltanto pedalando riesco a trovare".

Con le sue corse fornisce un notevole contributo allo sviluppo dell'industria ciclistica ed il suo impegno è rivolto non soltanto ai giovani, ma a tutti quei praticanti che possono farsi valere anche ad età avanzata accettando la maggiore rigidità, ma senza perdere le motivazioni arrangiandosi sulla sella come possono, sia pure in maniera scomposta.

La 2.a prova del 24.o Giro dei 4 Comuni è aperta a tutti gli enti di promozione sportiva e riservata alle categorie cadetti, junior(unica), senior, veterani A, Gentleman A, Gentleman B, Supergentleman, Master e Donne.

Vige il regolamento Csen con l'obbligo di indossare il casco protettivo integrale. La terza prova è invece fissata per il 19 giugno in occasione del G.P.Caduti del Padule di Fucecchio e si snoderà ai confini fra le province di Lucca, Pistoia e Firenze con partenza ed arrivo in località Biagioni. Quattro tappe non consecutive, al termine delle quali verrà stilata la classsifica finale con l'assegnazione ai vincitori del trofeo Antonio Poli.

Roberto Campigli è stato recentemente premiato, alla festa dello sport nella sede comunale di Fucecchio, assieme alla moglie Anna Circelli per essersi imposti nelle rispettive categorie  del campionato italiano cronometro individuale Csen che si è concluso a Finale Ligure.

Un Campigli che segue anche il calcio, è tifoso del Milan vero?

"Lo seguo marginalmente ma per un motivo: mio zio Ottavio Gori, morto nel 94, era il titolare del ristorante L'Assassino di Milano, frequentato quotidianamente dai giocatori del Milan e da personaggi pubblici come Indro Montanelli suo grande amico. Peccato che il ristorante, uno dei più famosi in Italia, chiuse nel 2013 prima di passare di proprietà alla famiglia di Massimo Moratti, allora presidente dell'Inter. La mia irriducibile fede rossonera ne subì non lo nego un piccolo dispiacere..."


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

esedra

toscano

auditerigi

il casone


Altri articoli in Sport


venerdì, 5 giugno 2020, 09:25

Arianna De Cicco lascia il volley dopo anni di amore e successi con Nottolini e Pantera

Questa volta è ufficiale e la sua decisione l'ha resa nota a La Gazzetta di Lucca: Arianna De Cicco ha dato l'addio al volley. Alla base i troppi problemi fisici che hanno rallentato la recente carriera della giocatrice centrale


venerdì, 5 giugno 2020, 09:25

Basket Le Mura Lucca, dal Panathinaikos arriva Jewel Tunstull

Incastonando tassello su tassello il roster versione 2020-2021 della Gesam Gas e Luce Lucca sta assumendo sempre di più i contorni definitivi


prenota_spazio


mercoledì, 3 giugno 2020, 08:27

Dopo Renieri anche Salvestrini e Migliorini lasciano Capannori. La Bionatura riparte dalla B2

La Nottolini, che a giorni potrebbe avere la riconferma dello sponsor principale Bionatura, anche se il suo titolare Pietro Riccomini al momento non ha ancora messo nero su bianco, scende di categoria per continuare a sposare un progetto ambizioso che però riparte da una categoria inferiore


lunedì, 1 giugno 2020, 16:08

Libertas: un mix di esperienza e gioventù per crescere divertendosi

In attesa che venga diramato il protocollo per come far ripartire anche il volley, i dirigenti della Libertas Ponte a Moriano stanno valutando tutte le priorità ad iniziare dal campionato che verrà affrontato nella prossima stagione


lunedì, 1 giugno 2020, 12:08

L'A.S.D. Montecarlo parte con il nuovo settore giovanile

Varato il progetto per riorganizzare la scuola calcio per i ragazzi dal 2003 al 2015, un settore che mancava da ben quindici anni. Tutta l'attività avrà la supervisione del Genoa cfc Club, con il cui settore tecnico è stato formalizzato un accordo di collaborazione per la crescita tecnica dei ragazzi


venerdì, 29 maggio 2020, 12:17

Aperto e in grande spolvero il tennis club Il Poggio a S. Anna

Dopo quasi tre mesi si torna a calcare i campi da tennis del club Il Poggio di S. Anna in via del Tiro a segno. Il tennis è uno sport che date le distanze fra giocatori è tra i più sicuri in assoluto