Anno 7°

sabato, 4 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sport

Capponi alla Bionatura per il dopo Becheroni con probabile ripartenza dalla B2

domenica, 17 maggio 2020, 15:24

di Valter Nieri

Dopo oltre due mesi di lockdown tutte le società sportive stanno cercando il modo di correre ai ripari riorganizzandosi per fronteggiare uno scenario futuro sicuramente più complicato. Il taglio di stipendi a giocatrici e tecnici porrà diversi mutamenti negli organici ma le complicazioni saranno dettate anche dalle disposizioni per mettere in sicurezza le palestre e assicurare il minor rischio di contagio covid-19.

Anche la Fipav dovrà comunicare come far ripartire il volley e quantificare le misure di sostegno indispensabili nel venire incontro alle società sportive dilaniate nel proprio animo dal coronavirus.I devastanti effetti negativi si stanno ripercuotendo anche nella Bionatura Nottolini, la squadra che aveva riportato il volley lucchese in B1 e che si vede costretta ad un ridimensionamento nei programmi, tanto che appare sempre più probabile una sua ripartenza dalla B2, contenendo i costi e seguendo una nuova e precisa strategia volta ad identificare quali risorse e processi siano prioritari.

Da qui è scaturito il doloroso divorzio da coach Sandro Becheroni, un professionista come pochi in Toscana ma dall'ingaggio troppo alto. Fiducia quindi al ligure Stefano Capponi, da nove anni in seno alla società come allenatore delle giovanili e della formazione di serie D della Toscanagarden Nottolini, che, al momento dell'interruzione dei campionati, si trovava in quarta posizione ed in piena zona play-off.

"Capponi - dice il presidente Gradi - lo conosciamo molto bene. Ha sempre svolto un ottimo lavoro, è paziente e professionale nel gestire le tempistiche del momento. Nei prossimi giorni scioglieremo i nodi anche sulle giocatrici e la nostra speranza è che tutte le atlete svincolate decidano di rimanere con noi anche nella prossima stagione. Al momento le uniche certezze per quanto riguarda la prima squadra sono Francesca Bresciani, Francesca Mazzuola e Asia Ceragioli, tutte di nostra proprietà e tutte riconfermate. Se optiamo sulla ripartenza dalla B2 lo facciamo esclusivamente per dare solidità al bilancio e garantire credibilità e sostenibilità per il futuro, perchè la Nottolini guarda avanti con ottimismo anche in questo delicato momento per tutto lo sport in generale".

Resta da vedere come reagiranno atlete del calibro di Sofia Renieri e Lara Salvestrini. Accetteranno una eventuale ripartenza dalla B2 dando una frenata allo sviluppo della loro carriera, nonostante abbiano offerte da società di A2?

E' sempre stata intenzione della Renieri giocare vicino casa per continuare più serenamente gli studi universitari ma potrebbe per lei essere giunto il momento di cambiare piuttosto che vedere rimandate ancora di un anno le sue aspettative con il volley. Piena fiducia a Paolo Vichi nell'occuparsi del settore giovanile e fra i diversi compiti quello di sostituire il team manager Valentina Maltagliati alla quale non è stato rinnovato il contratto. Oronzo Miccoli rimane il D.S., il cui lavoro quest'anno consiste principalmente nel convincere le atlete più rappresentative a rimanere in seno alla società.

PER CAPPONI UNA PROMOZIONE GRATIFICANTE MA DI MAGGIOR RESPONSABILITA'

La promozione a primo allenatore della Bionatura è sicuramente per Stefano Capponi gratificante. Un coach che affronta con calma e compostezza le situazioni delle sue squadre, ma si prospetta per lui anche un periodo di maggiore responsabilità nel saper gestire le reazioni emotive delle sue atlete e vincere le preoccupazioni che di volta in volta gli si presenteranno con il risultato delle partite perchè un conto è allenare il settore giovanile e la serie D ed un conto è farlo in una categoria importante come una B nazionale dove le pressioni sono sicuramente maggiori. Si avvarrà della collaborazione come secondo coach del riconfermato Matteo Lupetti, già vice di Becheroni.

NATO SUL MARE HA PREFERITO LA TERRAFERMA

Il nuovo coach della Bionatura è nato a Camogli 52 anni fa e ha vissuto fin da bambino a Recco dove si mastica pallanuoto dalla mattina alla sera ed ha sede la Pro Recco, una delle squadre più titolate al mondo. Difficile emergere in queste zone in sport che non siano acquatici...

"Mi è sempre piaciuto il volley-risponde il coach-fin da quando andavo a scuola. Iniziai a giocare fino ad arrivare alla serie C con il Recco, anche se l'immagine della pallanuoto in questa città è sempre stata dominante nello sport. La mia passione è sempre stata quella di proporre dinamiche di gioco di squadra investendo nel divertimento sempre a braccetto con l'impegno, ma con la rete in mezzo al campo". Ha allenato tanti anni in Liguria prima di arrivare alla Nottolini? "Con Recco ho allenato squadre femminili fino alla B2. Un anno siamo arrivati terzi. Recco e Nottolini sono le squadre dove sono stato più a lungo. In mezzo tanti cambiamenti ed un incarico di selezionatore provinciale di Genova per sei anni dell'Under 16 ed altrettanti nell'Under 14 di Levante. Con il Recco ho allenato anche l'Under 16 arrivando per due volte alle finali regionali, oltre a vincere diversi campionati provinciali."

Qual è stata la sua ultima squadra ligure prima della Nottolini? "Lavagna in serie D. Poi conobbi mia moglie Debora. Ci siamo sposati a Lucca e viviamo attualmente a S.Anna. Una ex giocatrice della Nottolini, collega di mia moglie nell'area infermieristica del "Campo di Marte", mi presentò a Sandro Becheroni che mi volle suo secondo allenatore a Capannori. Sono passati 9 anni nei quali ho potuto esercitare la mia passione e la mia professione in quanto il volley è il mio unico lavoro che esercito quotidianamente in palestra, arrivando alle 17 fino a tornare a casa molto tardi. Collaboro anche con insegnanti di educazione fisica nelle scuole, come a Camigliano, per reclutare ed osservare giovani pallavoliste".

Quanto le pesa l'eredità di Becheroni?

"Tantissimo. Lui è uno stratega ed era un punto di riferimento per tutti i tecnici della Nottolini. Spero di essere alla sua altezza in un compito così delicato dove dovrò curare maggiormente la tattica in una categoria come la serie B, mentre allenando le squadre giovanili mi adoperavo esclusivamente nel far migliorare la tecnica, con particolare riferimento all'attività di base."

LE SUE VITTORIE IN BIANCONERO

Da vice allenatore della B2 di Sandro Becheroni a primo coach delle Under 16, che pure si avvalevano della collaborazione dell'ex Alex Ferguson bianconero. "Abbiamo vinto abbastanza-conclude il tecnico ligure-ricorderò per sempre i due titoli regionali vinti con l'Under 16 ed in particolare la seconda finale contro Montelupo all'Isola d'Elba. Una società sportiva se vuole durare nel tempo deve avere sempre un buon settore giovanile ed investirci soldi e tempo. La Nottolini ha sempre capito l'importanza ed i risultati si sono visti."

Un suo giudizio sul presidente Paolo Gradi.

"Trovo in lui delle analogie con il mio ex presidente del Recco Antonio Carrara. Entrambi appassionati ed attenti al risultato. Gradi è una persona sempre vicina ai tecnici ed anche quando vincemmo i due titoli regionali, il presidente era Alberto Baroni, lui si occupava della dirigenza del settore giovanile non facendoci mancare niente."

Un'altra passione di Capponi è il calcio vero?

"Si, sono da sempre tifoso del Torino. Una fede che supera le tante sofferenze e che non cambierei mai per nessun trofeo. Me la trasmise mio padre, deceduto tanti anni fa, che a mia differenza ha assistito ai trionfi del Grande Torino e per noi tifosi chi indossa e chi ha indossato la maglia granata rimarrà sempre nel cuore. Proprio a Lucca, quattro anni fa, quando fui premiato con il Premio Fedeltà allo Sport ebbi l'onore di conoscere l'ex terzino Giovanni Francini e sapere che questo premio sia andato a lui ed anche a Paolino Pulici, Ciccio Graziani, Claudio Sala e Renato Zaccarelli, protagonisti dell'ultimo scudetto granata, mi riempie di orgoglio e di gioia.".

Per Capponi un'altra stimolante avventura con una prima squadra della quale conosce diverse atlete per esserci stato a contatto negli ultimi anni anche se peccato non c'è nessuna che provenga dai suoi trionfi regionali con le Under 16, avendo queste imboccato altre strade.



Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

esedra

toscano

auditerigi

il casone


Altri articoli in Sport


martedì, 30 giugno 2020, 14:41

Asd Montecarlo in festa: si presenta programma e staff

Questo sabato, dalle ore 16,30 alle ore 20,30, al Centro Sportivo di Montecarlo "Althen des paludes" (Via di Montecarlo) verrà organizzato un "Nutella party", aperto a tutti i ragazzi ed alle loro famiglie che vorranno conoscere da vicino la realtà del nuovo settore giovanile ed ovviamente per divertirsi con il...


martedì, 30 giugno 2020, 12:59

L'arrivo del secolo: Fanini 1 (Gaggioli) batte Fanini 2 (Di Basco) al giro del Trentino 1988

Fra i tanti primati che Ivano Fanini può vantare c'è anche quello degli anni 1988 e 1989, quando fu artefice di una operazione binaria tra due squadre professionistiche create sommando gli investimenti: la Seven Up Fanini con D.S.Franco Gini e capitano Pierino Gavazzi e la Pepsi Cola Fanini diretta da...


prenota_spazio


martedì, 30 giugno 2020, 12:43

I big dello sport e del giornalismo sportivo a Lucca per il "Bancarella sport"

Si è svolta per il decimo anno consecutivo a Lucca l'anteprima del prestigioso premio nazionale "Bancarella Sport" che coinvolge sempre grandi pe rsonaggi del mondo dello sport e del giornalismo italiano


martedì, 30 giugno 2020, 12:29

Nasce l'Atletico Capannori, Andrea Monaci sarà il direttore generale

E' ufficiale la nascita dell'Atletico Capannori, che da oggi è la sezione calcio della Polisportiva Capannori e si iscriverà al prossimo campionato di Terza Categoria


lunedì, 29 giugno 2020, 15:57

Nuove affiliazioni: la Folgore Segromigno entra nell'orbita del Tau Calcio |

La famiglia del Tau Calcio Altopascio, e in particolare il progetto Youth Tau Project, si allarga e accoglie tra le società affiliate, in veste di società amica, la storica Folgore Segromigno


lunedì, 29 giugno 2020, 13:14

Massimiliano Batori vince il torneo di tennis a Carrara di 4^ categoria

Va dunque al tennista lucchese Massimiliano Batori il primo trofeo post-covid 19. Una vittoria doppiamente sofferta quindi quella di ieri, in una splendida giornata di caldo, nella località di Marina di Carrara, negli impianti Junior Tennis si è disputata la finale tra Batori Massimiliano e Casella Marco