Anno 7°

lunedì, 25 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

A Venezia 71 il convegno ‘La green economy nel cinema’

lunedì, 8 settembre 2014, 15:17

Il film non è solo cultura, svago, voglia di fuggire via e gioco delle maschere: è anche inquinamento e del fatto se ne è discusso a Venezia 71 col convegno ‘La green economy nel cinema’. L’industria italiana del grande schermo costa all’ambiente 5 mila 600 tonnellate di CO2 all’anno, che sarebbero, però, riducibili del 20 per cento grazie ad alcuni semplici accorgimenti già in uso nel quotidiano. Si tratta di una quantità pari al consumo di illuminazione pubblica di un comune di 10 mila abitanti. È il dato principale emerso dall’incontro organizzato nell’ambito del Green Drop Award, premio alla pellicola che meglio ha interpretato la sostenibilità fra quelle in concorso in laguna, vinto da Andrej Končalovskij con The postman’s white nights’.

“Esistono già film che dichiarano lo ‘zero carbon footprint – ricorda Carlo Cresto-Dina, produttore cinematografico de ‘La Tempesta Film’ – ma a noi interessava andare oltre, non soltanto compensare. Ci interessava studiare un modo di fare attivo, un atteggiamento iniziale di risparmio, rispetto e uso intelligente. Il set di un film è una carovana, che mima e ripete quasi tutto quello che avviene in una vera città. Sul set si mangia, si cuce, si produce energia, si dipinge, si costruisce e si distrugge, si bagna e si asciuga. Inventare un disciplinare per un set cinematografico è come studiare l’impatto di un villaggio contemporaneo”.

Si tratta di un settore strategico anche per lo Stato: un recente studio di ANICA ha dimostrato che per ogni euro di investimento pubblico, all’erario ne tornano indietro cinque, mentre per quanto riguarda gli investimenti delle Film Commission regionali, ogni euro investito ha una ricaduta sulle economie locali di nove euro, arrivando a 13 in Friuli. “Anche per l’industria del cinema, come già accaduto per altri settori – afferma Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera – è arrivato il momento di accettare la sfida della green economy e di scommettere sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Un processo in atto in tutto il mondo che testimonia una sempre più diffusa sensibilità per i temi dell’ambiente, radicata anche in Italia”.

 All’incontro hanno partecipato imprenditori del mondo del cinema e operatori della green economy come Francesca Andreoli, sempre di Tempesta Film, Paolo Foglia di Icea, Renato Cremonesi di Log to Green, Alessandro Anderloni del Festival della Lessinia, Alessandra Bergero della Italian Riviera – Alpi del Mare Film Commission, Michele Calì e Paride Leporace della Film Commission Basilicata, Delio Colangelo della Fondazione Enrico Mattei, Antonio Prota di E3C e Blasco Giurato, direttore della fotografia ed esponente della giuria del Green Drop Award.


Questo articolo è stato letto volte.


Mugnani Matraia


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 marzo 2019, 13:52

WWF: attraverso l'acqua percepiamo gli effetti dei cambiamenti climatici

In uno scenario di riscaldamento globale di 2 °C le persone affette da scarsità d'acqua in Europa potrebbero passare da 85 a 295 milioni. Il 2019 in Italia si preannuncia anno critico per il fabbisogno di acqua


martedì, 19 marzo 2019, 12:30

“Steel Life”: al Cred un evento per riflettere sul riciclo dei rifiuti e degli imballaggi in acciaio

Un centinaio di studenti dell'Itis Giorgi hanno preso parte questa mattina al progetto realizzato dal giornalista e documentarista Luca Pagliari con il consorzio Ricrea e proposto dall'amministrazione comunale alle scuole


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 marzo 2019, 11:14

I consumatori europei più disponibili a cibarsi di insetti sono giovani, maschi e di buona cultura

E’ quanto emerge da un articolo pubblicato sulla rivista Food Research International da un gruppo di ricercatori del dipartimento di Scienze veterinarie dell’Università di Pisa


domenica, 17 marzo 2019, 20:52

Conoscere la cultura degli animali favorisce la conservazione

Le nonne orche insegnano ai nuovi nati come cacciare, i capodogli vivono in clan che si distinguono in base ai diversi tipi di vocalizzazione generando così barriere sociali, gli scimpanzé, secondo un’usanza tramandata da generazione in generazione, aprono le noci con le pietre.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 13 marzo 2019, 23:24

Il clima non può aspettare: SNPA aderisce al global strike for future

Il grido d’allarme di un’adolescente ha scosso i Governi di tutto il mondo: i Fridaysforfuture nascono infatti dalla protesta della sedicenne Greta Thunberg che a Stoccolma, in occasione della COP24, andò a sedersi ogni giorno davanti al Parlamento durante l’orario scolastico


mercoledì, 13 marzo 2019, 16:47

Lunedì il seminario “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana” organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord

Lunedì nel complesso monumentale di S. Francesco a Lucca, si terrà un seminario dal titolo “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana” organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord, con il supporto di Federacciai, Federchimica e Consorzio Toscano Energia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px