Anno 5°

lunedì, 23 aprile 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

Entro il 2050 l'energia rinnovabile come unica utilizzabile

sabato, 13 gennaio 2018, 18:37

Il 2018 è iniziato da poco e i buoni propositi per il nuovo anno non si sono fatti attendere, soprattutto nell'ambito ambientale. L'obiettivo principale da qui ai prossimi decenni? Avviare, entro il 2050, l'energia rinnovabile come unica utilizzabile. Alcuni ricercatori del CNR hanno realizzato il primo studio italiano in materia "Italia al cento per cento rinnovabile". La ricerca tiene conto di tutti gli step da ipotizzare per raggiungere questo ambizioso traguardo. All'interno della "tabella di marcia", uno dei primi aspetti da tenere a mente è la domanda energetica. Si stima che il fabbisogno energetico italiano nel 2050 all'incirca il 230 per cento in più di quello attuale. Alcuni studiosi però, sostengono che il solare, l'idroelettrico e l'eolico sarebbero più che sufficienti seppure non totalmente risolutivi.

La visione a lungo termine dovrebbe prevedere una energia di scorta, prodotta naturalmente, da altre fonti. L'idrogeno di origine biologica, ricavabile da cellulosa, energia elettrica e acqua, potrebbero essere un'ottima soluzione. Il cosiddetto bioidrogeno, ad esempio, può essere trasportato e stoccato alla pari dei combustibili fossili, per essere poi riutilizzato in un secondo tempo. Qualche numero in merito? Sulla carta occorrerebbero 550 TWh di bioidrogeno per affrontare le oscillazioni della domanda energetica italiana mentre i nuovi stabilimenti fotovoltaici ed eolici saranno in grado di immettere nella rete elettrica 640 TWh. Considerando poi che le attuali centrali idroelettriche produrranno, nei prossimi anni, almeno 49 TWh e che ad oggi gli impianti geotermici garantiscono 6 TWh, mancherebbero all'appello circa 35 TWh per raggiungere l'obiettivo dei 730 TWh (fabbisogno annuo al 2050). 

Ma quanto costerebbe far diventare l'Italia totalmente sostenibile? E' chiaro che una simile manovra comporterebbe, oltre ad un salto culturale importante, anche grandi investimenti: fino al 2050 sarebbero infatti necessari circa 500 miliardi di euro per le tecnologie di accumulo. Sempre importante è la spesa per l'installazione dei generatori eolici e dei moduli fotovoltaici, stimata in 530 miliardi di costo fisso una tantum. Tirando le somme l'ammontare complessivo è davvero da record: oltre 1000 miliardi di euro. Questa cifra si può rivedere se si considera che, senza la transizione green, sarà necessario comunque acquistare i combustibili fossili per un totale di circa 600 miliardi. A fronte di questo, il totale dell'investimento nelle rinnovabili scenderebbe a 400 miliardi

L'abbandono dei combustibili fossili avvantaggerebbe anche i cittadini con un drastico calo delle bollette e con indubbi benefici per la qualità dell'aria. L'obiettivo, sul lungo periodo, è arduo ma possibile secondo gli studiosi. Alle istituzioni il compito di decidere se e come procedere all'attivazione dei finanziamenti e alla contestuale conversione degli impianti.


Questo articolo è stato letto volte.


Mugnani Matraia


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 21 aprile 2018, 10:43

"Il sistema previdenziale tra crisi e sviluppo": torna l’appuntamento con il corso di alta formazione

“Il sistema previdenziale tra crisi e sviluppo”: questo il titolo del quinto corso di alta formazione, organizzato dalla Fondazione Giuseppe Pera per approfondire gli argomenti di maggiore attualità del giuslavorismo


sabato, 14 aprile 2018, 14:30

Un incontro su rischi e potenzialità dell'interrelazione nell'era digitale

"L'era digitale: rischi e potenzialità dell'interrelazione. Che fare". Questo il tema della conferenza che si è svolta lo scorso giovedì 12 aprile all'Istituto comprensivo Lucca 2 e che ha visto la partecipazione di molti insegnanti e genitori, partecipi e interessati ad un argomento che li tocca da vicino


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 14 aprile 2018, 10:26

A Lucca l'assemblea nazionale di Aticelca

Lucense e il Centro qualità carta hanno ospitato ieri(venerdì 13) l'assemblea ordinaria dei soci dell'Associazione tecnica italiana per la cellulosa e la carta (Aticelca), che riunisce i tecnici e gli esperti che operano nell'industria cartaria


martedì, 3 aprile 2018, 10:56

Industria 4.0 e ricerca: la scuola Imt a fianco della multinazionale Cromology per realizzare un nuovo materiale da rivestimento

Un nuovo materiale da utilizzare nelle vernici e nei tessuti, altamente innovativo, super resistente ed ecocompatibile, realizzato con metodologie all'avanguardia ad oggi utilizzate solamente in settori produttivi come l'industria aeronautica


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 28 marzo 2018, 18:47

Comieco Factory: 35 mila euro in premio per l'innovazione sostenibile nel Packaging di carta e cartone

L’industria cartaria italiana è tra le prime in Europa: 4,8 milioni le tonnellate di imballaggi cellulosici immesse al consumo nel 2017, con un tasso di riciclo dell’80% e quello di recupero dell’88%


martedì, 27 marzo 2018, 15:18

Sofidel per la salvaguardia del capitale naturale: un dibattito in collaborazione con WWF e fondazione Giangiacomo Feltrinelli

L’incontro si propone come un momento di riflessione e approfondimento sul“valore” della natura:il suo essere unpatrimonio fondamentale per il nostro benessere e il nostro sviluppo, e, quindi per la nostra economia e il nostro futuro


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px