Anno 7°

venerdì, 10 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

La lotta ai cambiamenti climatici è uno degli impegni del bilancio del Consorzio Bonifica

sabato, 28 dicembre 2019, 11:51

Il progetto su scala nazionale si chiama 60 milioni di alberi e propone di piantare un albero per ogni cittadino italiano per contrastare la crisi climatica. A lanciarlo è stata la Fondazione Laudato Si’, con il Vescovo di Rieti e il supporto di due importanti personalità vicine alle tematiche ambientali come Carlo Petrini e Stefano Mancuso.  Le adesioni sono aperte a Istituzioni, aziende e anche privati cittadini e il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord ha scelto di fare la sua parte.

L’aumento dell’anidride carbonica in atmosfera, provoca il riscaldamento globale che è principale causa dei cambiamenti climatici. Sovvertire questo effetto si può, ma se tutti siamo in varia misura disposti a contribuire modificando i nostri stili di vita, studi scientifici dimostrano che esiste una soluzione pratica, a costi contenuti , che produce effetti molto più rapidi: incrementare gli spazi verdi attraverso la piantumazione di alberi, siepi e prati.

 “Ognuno di noi può fare qualcosa per il bene dell’ambiente e il nostro Ente, che nell’ambiente opera quotidianamente non può sottrarsi  dal dare il proprio contributo, per questo abbiamo aderito al grande progetto verde della Fondazione Laudato Sì  – spiega il Presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi  – Potremmo iniziare simbolicamente piantando un albero per ogni dipendente del Consorzio, per sottolineare la diffusa cultura aziendale alla tutela dei nostri ecosistemi. Oltretutto mettere a dimora alberi per ridurre la Co2 rientra pienamente nell’attività istituzionale di prevenzione del rischio idrogeologico, perché interviene sulle cause che producono cambiamenti climatici.”

Gli effetti benefici derivanti dall’allargamento delle aree verdi sono molti: Immediata è infatti la riduzione di anidride carbonica che viene assorbita dalle piante, così come a riduzione del tasso di inquinamento aereo, l’assorbimento delle polveri sottili e la depurazione delle acque di falda. Inoltre piantare alberi, contribuisce al miglioramento del paesaggio, accresce il capitale naturale, custodiscono habitat per la sopravvivenza e la riproduzione di specie di avifauna e hanno un impatto benefico sul microclima.

L’impegno del Consorzio su questo tema è reale e deliberato nel bilancio del 2020: al momento un team di ingegneri e agronomi sta lavorando allo studio di fattibilità, cercando le aree più idonee per le piantumazioni, come zone alluvionali, e sedi del consorzio. Inoltre  lo studio comprende anche la scelta delle essenze vegetali più idonee ai nostri ecosistemi.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 luglio 2020, 17:03

Le balene fanno capolino tra le acque di Capo Sant'Andrea

Le balene sono tornate al largo di Capo Sant'Andrea, a partire dalla scorsa Pasqua sono stati registrati circa sette avvistamenti, che lasciano con il fiato sospeso abitanti del luogo e visitatori


lunedì, 6 luglio 2020, 16:43

Torna in mare la tartaruga Nanuk

Dopo la presentazione del progetto Europeo “Pescatori e tartarughe marine: facciamo luce in mare!” avvenuta in Acquario di Livorno questa mattina


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 29 giugno 2020, 15:01

Pesci alieni alla foce dell’Arno: individuato per la prima volta un esemplare di “persico spigola ibrido”

Nello studio dell’Università di Pisa sulla rivista Mediterranean Marine Science la valutazione dei possibili rischi ambientali; l’ipotesi è che il pesce sia arrivato da laghetto di pesca sportiva per le piene dell’Arno nell’autunno 2019


venerdì, 26 giugno 2020, 11:40

Tonnellate di plastica abbandonate nel mar Tirreno: esposto alla Corte dei Conti di Greenpeace

Greenpeace Italia pubblica oggi una nuova inchiesta, "Un santuario di balle", per fare luce sulle responsabilità del rilascio in mare di alcune decine di tonnellate di rifiuti in plastica diretti in Bulgaria. Una vicenda accaduta cinque anni fa nel Golfo di Follonica e ancora irrisolta


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 25 giugno 2020, 09:37

Isola di Capraia: la foca monaca torna a casa

Una notizia straordinaria che pone al centro dell'attenzione nazionale e internazionale l'Isola di Capraia. Dopo sessanta anni la Foca monaca (Monachus monachus) è tornata a visitare la grotta che prende il suo nome, nella costa occidentale dell'isola


giovedì, 28 maggio 2020, 13:33

Al via un ambizioso progetto per un’economia civile e sostenibile

Un ambizioso progetto per una nuova economia civile, etica e sostenibile, capace di rilanciare il territorio e offrire ai giovani nuove opportunità di impresa. Sono questi gli obiettivi di “ECONOMIAdiTUTTI”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px