Anno 7°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

"Corridoi ecologici" sugli spalti, gli ambientalisti ringraziano comune e consorzio

sabato, 23 maggio 2020, 12:32

Nella giornata della biodiversità, le associazioni WWF Alta Toscana, Legambiente Lucca, Custodi della città per gli stati generali della cultura, Guardare Lucca e Perlambiente, unite dall’intento comune di migliorare la città di Lucca e il suo territorio dal punto di vista ambientale, culturale e paesaggistico, vogliono esprimere al Comune di Lucca e al Consorzio di Bonifica Toscana Nord il loro consenso e la loro gratitudine per l’iniziativa attuata per incrementare la biodiversità degli spalti della città mantenendo una fascia di vegetazione ripariale lungo i fossi fino alla fine dei cicli biologici di piante e animali.

I "corridoi ecologici" presenti sugli spalti non sono stati creati con questa iniziativa ma di fatto un qualsiasi corso d'acqua comunque sia gestito, rappresenta un corridoio per i flussi genici, di flora e di fauna. Non è stato creato niente che già non fosse presente: lasciare la vegetazione di sponda fino all'estate incrementa la biodiversità, preserva da un'erosione che è tipica dei fossati in terra, ombreggia dove ci sono pesci e, ci auguriamo, permetterà il ritorno delle rane che fino a pochi anni fa erano presenti nei fossati degli spalti, dal giorno in cui tali fossati sono stati realizzati, come ci possono raccontare gli storici, i nostri padri e i nostri nonni.

Tra gli altri li ricorda il senatore Paolo Savi che, nella sua opera postuma “Ornitologia italiana”, scrive che il Pollo sultano di Allen, specie accidentale in Italia, fu preso nel 1859 nel terreno umido, perchè riccamente irrigato, che sta attorno alla città di Lucca. Lo ebbe il signor abate Mezzetti, diligente cultore delle scienze naturali, e lo depositò nella piccola Collezione ornitologica del Collegio Lucchese, di cui esso Mezzetti era uno de' Presidi. Questo testimonia la passata esistenza di quel reticolo idrografico, la cui conservazione non ha solo valenza ambientale, ma anche paesaggistica e storica.

Mantenere un ecosistema integro con piante dove vivono predatori (pesci, rane, libellule) come era fino a poco tempo fa, impedisce inoltre che si creino focolai di zanzare e questo è dimostrato da innumerevoli articoli scientifici e dall'esperienza diretta di chi si muove sul territorio. Le fioriture, oltre a rendere gradevole l'aspetto del fossato, attirano farfalle e insetti impollinatori; le spighe delle graminacee con i loro colori dorati, sventolando al vento rendono ancora più bello il nostro monumento. Lo sfalcio potrà essere fatto a tempo debito, come si faceva un tempo, a fine riproduzione e prima delle piogge autunnali senza rischiare alcuna inondazione, anche se ricordiamoci che gli spalti hanno proprio il ruolo di raccogliere le acque in caso di pioggia intensa. Purtroppo la rete dei canali della Lucchesia è stata per molti tratti tombata, cementificata, o attraversa aree agricole dove sono usati per anni prodotti chimici e non riesce a svolgere appieno il ruolo di corridoio. Gli spalti delle mura invece sono un ambiente integro e naturale dove non vengono dati trattamenti e per questo sono così ricchi di biodiversità! Ogni lucchese dovrebbe andare fiero di questa bellezza che non toglie niente al monumento, anzi lo arricchisce. Ovunque i monumenti ospitano una grande biodiversità di piante e animali. La pandemia che stiamo vivendo ci ha fatto capire quanto sia importante preservare ogni angolo di natura ormai relegata a pochi spazi. La nuova strategia per la tutela della biodiversità 2030 promuove la tutela degli habitat umidi e dei corsi d’acqua integri e Lucca ha giocato di anticipo. Non lasciamoci sfuggire questa opportunità di ripartire dal verde urbano.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 13:04

Nanà, la tartaruga Caretta caretta curata all’Acquario di Livorno, è tornata in mare

Grande festa questa mattina per il piccolo esemplare rilasciato sulla spiaggia dei bagni Aurora a Marina di Cecina Grande festa per la tartaruga Nanà che oggi è tornata in mare


lunedì, 6 luglio 2020, 17:03

Le balene fanno capolino tra le acque di Capo Sant'Andrea

Le balene sono tornate al largo di Capo Sant'Andrea, a partire dalla scorsa Pasqua sono stati registrati circa sette avvistamenti, che lasciano con il fiato sospeso abitanti del luogo e visitatori


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 luglio 2020, 16:43

Torna in mare la tartaruga Nanuk

Dopo la presentazione del progetto Europeo “Pescatori e tartarughe marine: facciamo luce in mare!” avvenuta in Acquario di Livorno questa mattina


lunedì, 29 giugno 2020, 15:01

Pesci alieni alla foce dell’Arno: individuato per la prima volta un esemplare di “persico spigola ibrido”

Nello studio dell’Università di Pisa sulla rivista Mediterranean Marine Science la valutazione dei possibili rischi ambientali; l’ipotesi è che il pesce sia arrivato da laghetto di pesca sportiva per le piene dell’Arno nell’autunno 2019


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 26 giugno 2020, 11:40

Tonnellate di plastica abbandonate nel mar Tirreno: esposto alla Corte dei Conti di Greenpeace

Greenpeace Italia pubblica oggi una nuova inchiesta, "Un santuario di balle", per fare luce sulle responsabilità del rilascio in mare di alcune decine di tonnellate di rifiuti in plastica diretti in Bulgaria. Una vicenda accaduta cinque anni fa nel Golfo di Follonica e ancora irrisolta


giovedì, 25 giugno 2020, 09:37

Isola di Capraia: la foca monaca torna a casa

Una notizia straordinaria che pone al centro dell'attenzione nazionale e internazionale l'Isola di Capraia. Dopo sessanta anni la Foca monaca (Monachus monachus) è tornata a visitare la grotta che prende il suo nome, nella costa occidentale dell'isola


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px