Anno 7°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

Fioriere come distanziatori sociali: la soluzione "green" al Covid

mercoledì, 20 maggio 2020, 11:33

Si percepisce un’aria di ripartenza per le attività commerciali, che dopo essere rimaste chiuse per quasi tre mesi, stanno piano piano riaprendo con tutte le accortezze previste dalla legge. “Sanificazione” e “distanziamento sociale” sono diventate le parole d’ordine di ristoratori, baristi, proprietari di pub e di stabilimenti balneari.

A proposito di distanziamento sociale, molte attività stanno puntando sui divisori in plexiglas per rispettare le normative legislative. Ma è davvero l’unica soluzione? Secondo l’azienda “C.R.V Piante” di Cesare Romano non è così. Infatti, insieme al figlio, Deryl Romano, stanno portando avanti un’idea Green e super competitiva dal punto di vista del prezzo per dare un’alternativa a tutti i commercianti e imprenditori. “Credo che una soluzione “green” sia più accattivante per attrarre i clienti - spiega. - Vedere il plexiglass ricorda, a mio avviso, una situazione ospedaliera, asettica e priva di colore. Mentre la cena condivisa con gli amici, o il gustarsi un aperitivo con la propria ragazza, ma anche giocare a carte sotto l’ombrellone in spiaggia, sono momenti di felicità e gioia che dovrebbero essere contornati in maniera visiva da messaggi positivi e colorati, facendoci dimenticare per un attimo questo virus che ci ha privato della nostra quotidianità. Per questo - continua Deryl, responsabile dell’iniziativa di C.R.V Piante - credo che la soluzione delle fioriere per garantire il distanziamento sociale tra i tavoli e tra gli ombrelloni sia la soluzione più accattivante e vantaggiosa per gli imprenditori che devono mettersi a norma. Oltre a fare arredamento, questi prodotti potranno essere riutilizzabili anche in futuro, a differenza del plexiglas che, finita questa situazione, non verrà più utilizzato in alcun modo. Siamo fermamente convinti che questa soluzione sia la migliore e la stiamo sviluppando insieme ad un’azienda di Pistoia, leader del settore vivaistico. In sintesi - conclude Deryl - le piante rimangono e potranno essere riutilizzati anche negli anni successivi, inoltre sono molto più ornamentali e invitanti per la clientela, rispetto a una barriera di plastica trasparente. Infine, ultimo aspetto ma non in ordine di importanza, i costi sono contenuti e reggono molto bene il confronto con l’acquisto delle barriere in plexiglas”.

L’idea è quindi quella di trasformare piante rampicanti, spalliere fiorite e arbusti in separatori eco sostenibili. Potranno essere create composizioni e soluzioni ad hoc a seconda delle esigenze del cliente. La scelta delle piante che potrebbero decorare i pub, i ristoranti e gli stabilimenti balneari è molto ampia. C’è il bambù, la vite, l’oleandro, ma anche cespugli di more, il gelsomino, la passiflora e i bouganville: tutte resistenti a temperature elevate, vicinanza al mare e alla carenza d’acqua. Inoltre queste piante fioriscono proprio nel periodo estivo andando a donare colore e profumo alle attività commerciali che se ne doteranno. Alcuni stabilimenti balneari italiani hanno già avviato i contatti per installare questo tipo di “distanziatori sociali”. Le richieste arrivano anche da Francia e Germania. Una soluzione ecosostenibile, di lunga durata e molto più colorata, profumata e ornamentale rispetto a una barriera in plexiglas.

Per ulteriori informazioni si può contattare l’azienda C.R.V Piante al numero: 0583 974 251


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 luglio 2020, 17:03

Le balene fanno capolino tra le acque di Capo Sant'Andrea

Le balene sono tornate al largo di Capo Sant'Andrea, a partire dalla scorsa Pasqua sono stati registrati circa sette avvistamenti, che lasciano con il fiato sospeso abitanti del luogo e visitatori


lunedì, 6 luglio 2020, 16:43

Torna in mare la tartaruga Nanuk

Dopo la presentazione del progetto Europeo “Pescatori e tartarughe marine: facciamo luce in mare!” avvenuta in Acquario di Livorno questa mattina


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 29 giugno 2020, 15:01

Pesci alieni alla foce dell’Arno: individuato per la prima volta un esemplare di “persico spigola ibrido”

Nello studio dell’Università di Pisa sulla rivista Mediterranean Marine Science la valutazione dei possibili rischi ambientali; l’ipotesi è che il pesce sia arrivato da laghetto di pesca sportiva per le piene dell’Arno nell’autunno 2019


venerdì, 26 giugno 2020, 11:40

Tonnellate di plastica abbandonate nel mar Tirreno: esposto alla Corte dei Conti di Greenpeace

Greenpeace Italia pubblica oggi una nuova inchiesta, "Un santuario di balle", per fare luce sulle responsabilità del rilascio in mare di alcune decine di tonnellate di rifiuti in plastica diretti in Bulgaria. Una vicenda accaduta cinque anni fa nel Golfo di Follonica e ancora irrisolta


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 25 giugno 2020, 09:37

Isola di Capraia: la foca monaca torna a casa

Una notizia straordinaria che pone al centro dell'attenzione nazionale e internazionale l'Isola di Capraia. Dopo sessanta anni la Foca monaca (Monachus monachus) è tornata a visitare la grotta che prende il suo nome, nella costa occidentale dell'isola


giovedì, 28 maggio 2020, 13:33

Al via un ambizioso progetto per un’economia civile e sostenibile

Un ambizioso progetto per una nuova economia civile, etica e sostenibile, capace di rilanciare il territorio e offrire ai giovani nuove opportunità di impresa. Sono questi gli obiettivi di “ECONOMIAdiTUTTI”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px