Anno 7°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

Tre piccoli di Fratino sono nati sulle spiagge del Parco di San Rossore

mercoledì, 27 maggio 2020, 13:24

"Tre piccoli di Fratino sono nati sulle spiagge del Parco di San Rossore!Da anni ormai il mimetico volatile non riusciva a portare a compimento la covata, talvolta per predazione naturale delle uova, altre volte a causa dell'uso smodato della spiaggia. Il fratino nidifica direttamente sulla sabbia, scavando una buchetta e deponendo 2 o 3 uova che si mimetizzano completamente con i granelli. La cova dura circa un mese, ed è svolta da entrambi i genitori, che provvedono a dissuadere eventuali predatori naturali, strategie poco efficaci se rivolte a persone ignare che passeggiano sulla fascia dell'anteduna e cani senza guinzaglio.Quest'anno però i piccoli ce l'hanno fatta, sono usciti dal loro guscio protettivo e si preparano ad affrontare la dura vita della spiaggia e tra qualche mese la migrazione. "Appena usciti dall'uovo sono già in grado di correre, ma dipendono ancora dai genitori per l'approvvigionamento di cibo e la protezione, quindi rimarranno nella spiaggia dove sono nati per circa un mese, fino all'involo" ci spiega Jacopo Bettin, coordinatore locale del Gruppo Fratino Toscana, "per questo motivo siamo ancora in una fase molto delicata che richiede la nostra presenza in spiaggia e l'attenzione di tutti" continua.La staffetta delle associazioni per la protezione del fratino nasce addirittura 18 anni fa: il WWF è stata la prima associazione ad accorgersi della presenta dell'uccellino sulle coste del Parco, organizzando monitoraggi con Legambiente, poi negli ultimi anni il progetto Life europeo "Choose Nature" a cura della LIPU ha costituito un gruppo di giovani che sensibilizzasse i fruitori della spiaggia, facesse progetti nelle scuole e finalmente l'occasione di proteggere il nido e la nidiata. In questa ultima fase è stato fondamentale l'intervento di protezione da parte del Parco nelle vesti del biologo Luca Puglisi, dei volontari Lipu Choona e del Comune di Vecchiano.I volontari Lipu hanno monitorato il nido fin dai primissimi giorni e installato una recinzione protettiva per evitare il calpestio. I volontari, oltre all'apposizione fisica delle barriere e di cartelli esplicativi, stanno coprendo, a turni, i momenti di maggiore affluenza della spiaggia per poter spiegare alle persone il motivo della recinzione e la straordinarietà dell'evento in corso.Finora il riscontro delle persone è stato molto positivo, come sottolinea Jacopo Bettin, "il fratino è una specie rara e molto delicata e la sua presenza a Marina di Vecchiano indica un ambiente naturale ben conservato, con un sistema dunale ricco di biodiversità " riguardo alla schiusa delle uova, dopo anni di insuccessi "è semplicemente una notizia meravigliosa"."


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 luglio 2020, 17:03

Le balene fanno capolino tra le acque di Capo Sant'Andrea

Le balene sono tornate al largo di Capo Sant'Andrea, a partire dalla scorsa Pasqua sono stati registrati circa sette avvistamenti, che lasciano con il fiato sospeso abitanti del luogo e visitatori


lunedì, 6 luglio 2020, 16:43

Torna in mare la tartaruga Nanuk

Dopo la presentazione del progetto Europeo “Pescatori e tartarughe marine: facciamo luce in mare!” avvenuta in Acquario di Livorno questa mattina


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 29 giugno 2020, 15:01

Pesci alieni alla foce dell’Arno: individuato per la prima volta un esemplare di “persico spigola ibrido”

Nello studio dell’Università di Pisa sulla rivista Mediterranean Marine Science la valutazione dei possibili rischi ambientali; l’ipotesi è che il pesce sia arrivato da laghetto di pesca sportiva per le piene dell’Arno nell’autunno 2019


venerdì, 26 giugno 2020, 11:40

Tonnellate di plastica abbandonate nel mar Tirreno: esposto alla Corte dei Conti di Greenpeace

Greenpeace Italia pubblica oggi una nuova inchiesta, "Un santuario di balle", per fare luce sulle responsabilità del rilascio in mare di alcune decine di tonnellate di rifiuti in plastica diretti in Bulgaria. Una vicenda accaduta cinque anni fa nel Golfo di Follonica e ancora irrisolta


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 25 giugno 2020, 09:37

Isola di Capraia: la foca monaca torna a casa

Una notizia straordinaria che pone al centro dell'attenzione nazionale e internazionale l'Isola di Capraia. Dopo sessanta anni la Foca monaca (Monachus monachus) è tornata a visitare la grotta che prende il suo nome, nella costa occidentale dell'isola


giovedì, 28 maggio 2020, 13:33

Al via un ambizioso progetto per un’economia civile e sostenibile

Un ambizioso progetto per una nuova economia civile, etica e sostenibile, capace di rilanciare il territorio e offrire ai giovani nuove opportunità di impresa. Sono questi gli obiettivi di “ECONOMIAdiTUTTI”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px