Anno 7°

giovedì, 6 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sviluppo sostenibile

Le balene fanno capolino tra le acque di Capo Sant'Andrea

lunedì, 6 luglio 2020, 17:03

Capo Sant'Andrea custodisce un vivace mondo sottomarino tutto da scoprire, un vero e proprio angolo di natura protetta all'interno del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. Tra gli ambienti subacquei che circondano la località, un posto di rilievo a livello nazionale e internazionale è occupato dal Santuario dei Cetacei Pelagos. Un zona marina di 87.500 km² nata dall' accordo tra l'Italia, il Principato di Monaco e la Francia che, tra gli obiettivi primari, vede proprio la protezione dei mammiferi marini che lo frequentano. Un ecosistema di grandi dimensioni dal rilevante interesse scientifico, socio-economico, culturale ed educativo.

La biodiversità è notevole e non è raro avvistare delfini, stenelle e tursiopi - cetacei appartenenti alla famiglia dei delfini - che, a testimonianza della ricchezza di queste acque, migrano in luoghi in cui trovano le condizioni più favorevoli a procurarsi cibo. Queste specie sono spesso stanziali nella zona, in particolare tra Marciana e Chiessi, e con un po' di fortuna è possibile assistere al loro ingresso proprio nella baia di Capo Sant'Andrea, in cui spesso rimangono in acque libere, tra le 0.5 e le 2 miglia dalla costa.

Le emozioni dunque non mancano tra le profondità di Capo Sant'Andrea, che dalla Primavera all'Autunno assiste, inoltre, alle migrazioni di balenottere. I mesi più favorevoli per fare la conoscenza di queste affascinanti creature sono maggio, giugno, settembre e ottobre. Ultimamente i cetacei non si sono fatti attendere e, dalla scorsa Pasqua alla fine del mese di giugno, sono stati registrati circa sette avvistamenti nell'area di Capo Sant'Andrea, entusiasmando gli abitanti locali, attivamente coinvolti nella protezione di questi habitat, e i primi visitatori stagionali. La migrazione della specie è innescata da fenomeni di upwelling, correnti di risalita in superficie di acque di profondità ricche di sostanze nutrienti, come il plancton, con conseguente aumento della pescosità della zona.

"Non esistono altri luoghi come Capo Sant'Andrea per regalarsi incontri unici con i più affascinanti abitanti del mare, e non solo", racconta Maurizio Testa, Destination Manager di Capo Sant'Andrea. Ed è sempre Maurizio Testa, appassionato conoscitore del mare, a raccontare degli ultimi incontri con i cetacei, riuscendo a cogliere le suggestioni di questi momenti speciali in emozionanti immagini che testimoniano il risveglio della natura successivo a questi mesi di lockdown, in un intreccio di stupore e meraviglia.

Concedersi un soggiorno in questa località dell'Isola d'Elba non solo riconnette con gli aspetti più autentici del nostro ambiente ma permette anche di godersi spettacoli naturali esclusivi, letteralmente "dietro casa".

Capo Sant'Andrea - piano di destinazione turistica

Il progetto di destination marketing "Capo Sant'Andrea" – nato da un'intuizione di Maurizio Testa, docente di marketing turistico, formatore, autore di numerosi libri di marketing e albergatore di lungo corso nel proprio boutique hotel di Capo Sant'Andrea – si compone di esperti operatori elbani affiancati da partner di comunicazione e sviluppo business internazionali. La presenza di esperti locali e originari del territorio conferisce al progetto una serie di valori aggiunti -  profonda conoscenza del territorio, spirito di appartenenza, spirito coeso tra i professionisti - assicurando alla destinazione un processo di sviluppo strategico mirato, coerente ed efficace.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Sviluppo sostenibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 13:04

Nanà, la tartaruga Caretta caretta curata all’Acquario di Livorno, è tornata in mare

Grande festa questa mattina per il piccolo esemplare rilasciato sulla spiaggia dei bagni Aurora a Marina di Cecina Grande festa per la tartaruga Nanà che oggi è tornata in mare


lunedì, 6 luglio 2020, 16:43

Torna in mare la tartaruga Nanuk

Dopo la presentazione del progetto Europeo “Pescatori e tartarughe marine: facciamo luce in mare!” avvenuta in Acquario di Livorno questa mattina


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 29 giugno 2020, 15:01

Pesci alieni alla foce dell’Arno: individuato per la prima volta un esemplare di “persico spigola ibrido”

Nello studio dell’Università di Pisa sulla rivista Mediterranean Marine Science la valutazione dei possibili rischi ambientali; l’ipotesi è che il pesce sia arrivato da laghetto di pesca sportiva per le piene dell’Arno nell’autunno 2019


venerdì, 26 giugno 2020, 11:40

Tonnellate di plastica abbandonate nel mar Tirreno: esposto alla Corte dei Conti di Greenpeace

Greenpeace Italia pubblica oggi una nuova inchiesta, "Un santuario di balle", per fare luce sulle responsabilità del rilascio in mare di alcune decine di tonnellate di rifiuti in plastica diretti in Bulgaria. Una vicenda accaduta cinque anni fa nel Golfo di Follonica e ancora irrisolta


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 25 giugno 2020, 09:37

Isola di Capraia: la foca monaca torna a casa

Una notizia straordinaria che pone al centro dell'attenzione nazionale e internazionale l'Isola di Capraia. Dopo sessanta anni la Foca monaca (Monachus monachus) è tornata a visitare la grotta che prende il suo nome, nella costa occidentale dell'isola


giovedì, 28 maggio 2020, 13:33

Al via un ambizioso progetto per un’economia civile e sostenibile

Un ambizioso progetto per una nuova economia civile, etica e sostenibile, capace di rilanciare il territorio e offrire ai giovani nuove opportunità di impresa. Sono questi gli obiettivi di “ECONOMIAdiTUTTI”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px