Anno 7°

lunedì, 27 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Teatro del Giglio

Ultimo Chisciotte, il sogno e il coraggio di vivere

sabato, 24 novembre 2018, 10:35

di eliseo biancalana

"Quell'unico uomo disprezzato e pieno di cicatrici ha continuato a battersi con il suo ultimo grammo di coraggio". In questa citazione c'è forse l'essenza di "Ultimo Chisciotte", l'adattamento teatrale di "Don Chisciotte della Mancia" di Miguel De Cervantes, andato in scena ieri sera in anteprima nazionale al Teatro del Giglio di Lucca, dove ha aperto la stagione di prosa.

La nuova produzione del Teatro Del Carretto mette in scena il classico della letteratura spagnola, dandone un'interpretazione onirica, con un susseguirsi, in un unico atto, di diversi momenti dell'opera originale. Lo spettacolo si può dire che inizia quando il sipario è ancora calato, e il pubblico sta ancora prendendo posto in sala. Alla colonna destra del palco sta infatti appoggiato un attore (Ian Gualdani) con gli occhi chiusi, come se stesse ancora dormendo. Poi le luci calano, si sente una musica, l'attore si sveglia e, all'apertura del sipario, entra in scena, dove rimarrà per tutta la durata della pièce, interpretando vari ruoli, spesso danzando, ma sempre stando in silenzio. A interagire con lui i veri protagonisti dello spettacolo, Don Chisciotte e Sancho Panza, che si muovono in un semicerchio delimitato da delle panche, con sopra vari oggetti che vengono usati nel corso dello spettacolo, compresa una copia del libro di Cervantes da cui vengono letti, a volte, dei brani. Sopra di loro stanno sospesi degli abiti di scena. Il passaggio da una situazione all'altra viene scandito rovesciando dei secchi contenenti della polvere colorata, come a simulare un effetto di dissolvenza della scena.

Del celebre cavaliere errante partorito dalla fantasia di Cervantes, la regista Maria Grazia Cipriani sceglie di mettere in scena l'uomo consumato nell'inseguimento dei propri sogni ed ideali. Don Chisciotte (interpretato da Stefano Scherini) è un personaggio malconcio, che indossa abiti piuttosto logori e si muove quasi come un allucinato, di fronte a uno stupito e affezionato Sancho Panza (Matteo De Mojana). Vale la pena di ridursi in questo stato, viene da chiedersi, per inseguire degli incompresi ideali di giustizia e per un amore impossibile (quello per Dulcinea del Toboso)? E, più in generale, vale la pena consumarsi inseguendo un sogno? Don Chisciotte ci dice di sì, perché è grazie al sogno che l'uomo riesce a dare un senso a una vita che, presa per quello che è, appare segnata dal dolore e dalla morte.

Lo spettacolo andrà in scena anche stasera, sabato 24 novembre, alle ore 21, e domenica 25 novembre alle 16.

ULTIMO CHISCIOTTE

liberamente tratto da Miguel De Cervantes

adattamento e regia Maria Grazia Cipriani

con Stefano Scherini, Matteo De Mojana, Ian Gualdani

assistente alla regia Jonathan Bertolai

musiche Giacomo Vezzani

fonica Luca Contini

luci Fabio Giommarelli

scenotecnica Giacomo Pecchia

collaboratrice alla costumistica Rosanna Monti

segreteria organizzativa Michela Betti

produzione Teatro Del Carretto

Foto di Claudio Di Paolo

 


Questo articolo è stato letto volte.


teatro del giglio shrek


tearto del giglio night garden


Teatro del Giglio amico fragile


Altri articoli in Teatro del Giglio


teatro del giglio amico fragile


giovedì, 9 maggio 2019, 17:57

"Una tazza di mare in tempesta": Moby Dick in 20 minuti

Si è tenuta nel primo pomeriggio l'ultima rappresentazione lucchese di "Una tazza di mare in tempesta", di e con Roberto Abbiati, liberamente ispirata al capolavoro di Herman Melville "Moby Dick"


giovedì, 9 maggio 2019, 15:35

Teatro del Giglio, forse già a settembre il nuovo direttore

Arriverà probabilmente a settembre la nomina del nuovo direttore generale del Teatro del Giglio. Lo ha anticipato l'assessore alla cultura Stefano Ragghianti parlando oggi con i giornalisti ai margini dello spettacolo "Una tazza di mare in tempesta"


martedì, 7 maggio 2019, 16:36

Manrico Ferrucci ha rassegnato le dimissioni dalla carica di direttore generale del Teatro del Giglio

Il direttore generale dell’Azienda Speciale Teatro del Giglio Manrico Ferrucci ha rassegnato le proprie dimissioni. Tali dimissioni sono state accettate dall’Amministratore Unico Gianni Del Carlo e saranno effettive a decorrere dal giorno 1 giugno 2019, con circa cinque mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del contratto


martedì, 7 maggio 2019, 10:40

"Una tazza di mare in tempesta": nove recite nel ridotto del Teatro del Giglio

Con Una tazza di mare in tempesta, lo spettacolo che Roberto Abbiati ha liberamente tratto da Moby Dick di Melville, si conclude mercoledì 8 e giovedì 9 maggio “Crescendo con il teatro”, il cartellone di teatro per le nuove generazioni del Teatro del Giglio


lunedì, 6 maggio 2019, 13:16

Al Giglio il concerto sinfonico di primavera diretto da Beatrice Venezi

Il concerto è promosso dal Lions Club Lucca Host e il ricavato della serata, in programma al Teatro del Giglio sabato 11 maggio (ore 21), sarà interamente devoluto a favore di Anfass onlus Lucca e Associazione LUNA-Onlus


sabato, 27 aprile 2019, 15:54

Un'anteprima di Lucca Classica: "La parrucca di Mozart" al teatro del Giglio

Presentata questa mattina un'anteprima di Lucca Classica Music Festival ovvero l'opera per ragazzi "La parrucca di Mozart", che si terrà martedì 30 aprile alle 21 al teatro del Giglio, con musiche e regia di Bruno De Franceschi e il libretto di Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti


teatro del giglio stagione 2018-2019