fanini
   Anno XI 
Mercoledì 21 Febbraio 2024
- GIORNALE NON VACCINATO
cristian
cristian10
faniniivano
Ivano1
Ivano2
Ivano3
Ivano4
Ivano5
Ivano6
Ivano7
Ivano8

Scritto da Redazione
Amore e Vita
01 Dicembre 2023

Visite: 4405

Non si interrompe il filo rosso che lega Ivano Fanini e la sua creatura Amore e Vita con il Giro d'Italia. Saranno infatti due suoi ex-corridori, approdati negli anni 90 al professionismo grazie a Ivano Fanini, gli ispettori incaricati da RCS di verificare e dare il via libera finale al tracciato nella parte che va dal chilometro zero alla partenza a 2 km dall'arrivo.

Un compito importante e delicato che Maurizio Molinari e Marco Della Vedova ricoprono da ben 18 anni e che diventa determinante per la stesura definitiva del tracciato della tappa del prossimo Giro d'Italia che finalmente approderà a Lucca nella prossima edizione.

"Mi fa piacere sapere che due miei ex-atleti, con i quali mantengo uno splendido rapporto perché persone veramente di spessore e serissime- conferma il patron di Amore e Vita – ricoprano ruoli così importanti e decisivi. Questo dimostra che la scelta fatta a suo tempo di introdurli nel professionismo era giusta, sia a livello sportivo che umano. Oltre a loro c'è il rapporto con lo storico direttore di corsa Stefano Allocchio, che fra l'altro è stato a Lucca per il premio Fedeltà allo Sport di Valter Nieri ".  

Insieme a questa curiosità Ivano Fanini, una vera istituzione del ciclismo a Lucca e in tutto il mondo, si augura che questa bellissima novità porti beneficio non solo alle due ruote, ma a tutto il comparto sportivo lucchese.

"Ci sono molti parallelismi fra il 1984 e l'attuale situazione della Lucca sportiva – dice Ivano Fanini, che detiene molti record sia in generale che per la corsa rosa-. In quell'anno, su mia iniziativa che voleva celebrare il primo anno di attività professionistica del mio team, riuscimmo a ottenere il prologo, poi bissato con l'arrivo dell'anno successivo.

Tutto questo generò un entusiasmo collettivo che Lucca non ha conosciuto spesso, per le manifestazioni sportive, e che, di fatto, ha contribuito ai diversi successi che sono arrivati in diverse discipline sportive, a partire dalla stessa Lucchese calcio, per giungere al basket, all'atletica e a tante altre situazioni".

Ivano Fanini, che vanta il primato dell'esistenza di una squadra ciclistica professionistica (37 anni) e le partecipazioni consecutive al Giro d'Italia (ben 15) e tanto altro, crede che il clima generale sia determinante per le affermazioni complessive di un territorio.

"Avendo girato molto, investito, raccolto successi e qualche amarezza, amando lo sport in modo totale, partendo ovviamente dal ciclismo, che rimane e rimarrà la mia passione più grande- conclude Ivano Fanini- soffro molto a vedere un panorama sportivo non certo esaltante come quello lucchese attuale. Spero che l'entusiasmo che sta provocando e che provocherà sempre più l'arrivo della tappa del Giro d'Italia possa contagiare una città che da sempre è piuttosto freddina in ambito sportivo e Lucca possa tornare a offrire spettacoli sportivi sempre più brillanti". 

Pin It
  • Galleria:

RICERCA NEL SITO