Anno XI 
Venerdì 24 Maggio 2024
- GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Ce n'è anche per Cecco a cena
06 Marzo 2023

Visite: 812

Guarda caso, quando c'è al Governo il centrodestra, la Sinistra forcaiola e con le pezze al culo strumentalizza i morti - anzi, più morti ci sono, più la strumentalizzazione riesce meglio - e chiede a gran voce che vengano messi sotto inchiesta i 'presunti' responsabili delle stragi che, guarda caso, sono sempre i soliti: Governo, Guardia di Finanza, Guardia Costiera. La magistratura, ovviamente, non si fa pregare ed ecco che, roba allucinante, apre un fascicolo che, tra l'altro, dovrà appurare se ci sono stati ritardi o negligenze nei soccorsi. E' roba da ridere se non ci fosse da piangere. Una imbarcazione senza arte né parte, con sopra persone di ogni età salpate per cercare una vita migliore, fa naufragio nel mare in tempesta spezzandosi, addirittura, in due e la colpa di chi dovrebbe essere? Della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza che sarebbero intervenute male. Qui, rovesciamo la verità e strumentalizziamo la tragedia: i clandestini o migranti che dir si voglia, sanno benissimo che affrontare il mare, soprattutto, in questo periodo, può essere pericoloso, ma lo fanno ugualmente. Fanno bene?, fanno male? Non sta a noi giudicare, ma sta a noi essere in grado di non farsi prendere da assurdi sensi di colpa che piacciono tanto ai comunisti e agli ex comunisti che sui sensi di colpa, degli altri però, ci marciano da sempre. In sostanza, secondo i giornalisti votati all'ammasso che scrivono sui quotidiani del mainstream - e voi idioti che ancora li acquistate - o he trasmettono dalle reti istituzionali e istituzionalizzate dove la verità non ha accoglienza se non quella del politicamente corretto, quello che dovrebbe fare lo Stato italiano è andare a prendere tutti gli immigrati che arrivano dai quattro angoli della terra.

Attenzione. Abbiamo letto che il presidente Mattarella - il peggior presidente della Repubblica dai tempi di Giovanni Leone - ma forse anche da prima, è rimasto sconvolto e travolto dalla tragedia di Cutro. Noi, chiamateci pure come volete, né l'uno, né l'altro. Noi siamo sempre stati, sin dalla più tenera età, educati per carattere e per tradizione, a non incolpare gli altri delle nostre scelte e di assumercene anche le responsabilità. Se, per un qualsiasi motivo, scegliamo di fare qualcosa, la colpa non può essere della società solo e sempre degli altri. Abbiamo letto che un pool di avvocati assisterà i sopravvissuti e le vittime del naufragio spingendoli a costituirsi parte civile. Nei confronti di chi scusate? Di quattro scafisti morti di fame che, come tantissimi altri, vivono e proliferano sotto gli sguardi compiaciuti delle Ong da strapazzo che solcano i nostri mari? O, piuttosto, verso lo Stato italiano qualora dovesse essere appurato che i soccorsi sono - ma chi ci crede? - arrivati in ritardo?

Se noi diamo retta alla Elly Schlein, uno dei prodotti del globalismo annientatore di ogni differenza identitaria e non solo, dovremmo aprire le porte e accogliere indiscriminatamente chiunque volesse trasferirsi a queste latitudini solamente perché fugge dalla fame, dalla miseria, dalla guerra, da una vita che reputa peggiore di quella che andrebbe a trovare. Tutto ciò che non conduce a questa fine ossia a questa migrazione di massa, deve essere denunciato, combattuto, criticato e questo con l'appoggio di una categoria, quella dei giornalisti, politicizzata da sempre con un solo colore.

Questo accade solamente quando a gestire i flussi migratori c'è il centrodestra, guardate cosa è accaduto a Salvini, che da quando venne indagato ha perso smalto e sull'emigrazione non ci mette più bocca. O quasi. Quando al Governo c'è la Sinistra, il problema non sussiste: più se ne fanno entrare, meglio è. Nonostante le nostre città siano assediate dalla microcriminalità, dallo spaccio di qualsiasi tipo di droga, dalla degenerazione costante di ogni forma di coscienza collettiva e connettiva. 

Tutta la Sinistra radical chic-choc di cui le ex Sardine - a proposito, che fine hanno fatto?, pare che stiano per fare la loro nuova comparsa, ma a posti di vertice - e la Schlein sono un prodotto, non ha aperto bocca su quanto è accaduto a Torino il week-end appena trascorso, dove poliziotti e carabinieri sono finiti - e con loro negozianti e proprietari di auto - nel mirino degli anarchici ossia quella razza di delinquenti che andrebbe trattata, in uno Stato degno di questo nome, con ben altri metodi che non quello di far prendere a sassate e bombe carta uomini in divisa carne da cannone pronta sempre a rimetterci qualcosa.

Già, ma cosa volete che gliene freghi ai vertici istituzionali, se poliziotti, carabinieri, agenti delle Fiamme Gialle, finiscono sotto stress, si suicidano, oppure vengono ricoverati all'ospedale per le aggressioni subite? Loro hanno il culo bello protetto e stipendi lauti che li fanno stare al sicuro e in strada non ci andranno mai a combattere gli oppositori del sistema.

A noi pare che quello che è accaduto a Torino e in altre città sia molto, ma molto più grave e minaccioso per lo Stato di quanto avvenuto davanti alle coste calabresi. In quest'ultimo caso non c'è colpa né, tantomeno, dolo, nel primo ci sono tutti e due.

La Sinistra torna, come al solito, ai temi a lei più cari: fascismo, razzismo, solidarietà. Puttanate che servono solo a chi ancora guarda la Tv invece di farsi una cultura propria cosa che, ovviamente, costa troppo. 

Vedremo se la Giorgia sarà capace di saper giocare duro quando i duri cominceranno a giocare - la Sinistra sta giocando duramente da un pezzo - o se, al contrario, se la farà sotto cercando di appattumarsi con tutti. La maggioranza degli italiani, quella silenziosa, quella che non scende in strada a manifestare perché ha da lavorare per guadagnarsi da vivere, quella che vuole pardon vorrebbe e non ottiene ordine, sicurezza, certezze, definizione di tutto ciò che la circonda, è senza dubbio fascista nella concezione che la Sinistra ha e sfrutta da sempre.

Ebbene, se fascismo è tutto ciò che la Sinistra combatte strumentalmente e vigliaccamente, benissimo, siamo i primi fascisti di questo Paese. Invece non solo non siamo fascisti, ma siamo italiani mentre a Sinistra, ormai, non sanno più nemmeno che cosa questo significhi.

Arriveranno momenti duri, durissimi, perché le élites globaliste che combattono la Russia, ma vorrebbero stravolgere il mondo secondo i dettami della loro visione uniforme e univoca, proveranno a distruggere ogni anelito di sovranità dei e nei popoli. Noi lo diciamo, non saremo ad arrenderci e risponderemo colpo su colpo. 

A proposito: la Sinistra vorrebbe anche abolire il 41 bis. Per quanto ci riguarda, i criminali che attentano alla sicurezza della collettività - e ce ne sono tantissimi che sono fuori dalle carceri - meriterebbero anche un bel 41 ter.

Pin It
avv-chiara-francesconi 400
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

E’ stata davvero accolta con grande soddisfazione la comunicazione che l’onorevole di Fratelli d’Italia Alessandro Amorese ha fatto…

Spazio disponibilie

Prosegue il prossimo fine settimana (sabato 25 e domenica 26 maggio)…

Mercoledì 29 maggio alle ore 17 al Museo Nazionale di Palazzo Mansi si terrà la conferenza "Figli della darsena:…

Spazio disponibilie

"I centri per i disturbi cognitivi e le demenze - Cdcd". E' questo il titolo dell'evento di formazione…

Gli ex dipendenti ricordano Nilo Grazzini, titolare per decenni della ditta di impianti elettrici Grazzini e Serafini,…

Riforma delle istituzioni comunitarie e salvaguardia di sanità, scuola, sicurezza alimentare e degli altri beni comuni, temi sui…

Spazio disponibilie

E' previsto per stasera alle 17,30, presso l'Auditorium della Fondazione Banca del…

Sabato 25 maggio, ore 10:00 a Bosa di Careggine è in programma Andà per Erbi bóni, passeggiata…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie