Anno XI 
Lunedì 20 Maggio 2024
- GIORNALE NON VACCINATO
polonia
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Cronaca
18 Settembre 2023

Visite: 2589

Trenta persone hanno sottoscritto l'impegno a costituirsi in comitato genitori della Real Academy Lucca e questa mattina il legale della società di Claudio Polonia fornirà la documentazione necessaria per tutti gli adempimenti. Un momento importante quello di ieri pomeriggio a San Cassiano a Vico presso l'impianto della Real Academy, società calcistica finita nel mirino del Tar e del comune per abusi edilizi posti in essere negli ultimi mesi. I genitori, in tutto una quarantina, si sono ritrovati nel capannone adibito a sala riunioni e non solo, per decidere sul da farsi all'indomani della decisione dell'assessore Fabio Barsanti di sfrattare Claudio Polonia dall'impianto. Per primo ha parlato Antonio Bongiorni, grande scopritore di talenti che ha scelto di affiancare Polonia nella sua avventura calcistica. Bongiorni, visibilmente contrariato e amareggiato ha spiegato che la società ha tutte le carte in regola per continuare nella sua attività e il patrimonio di ragazzi accumulato è da non gettare via. Bongiorni ha portato alla Real Academy i migliori tecnici e le famiglie, ovviamente, hanno scelto consapevolmente visto anche l'impianto e vista anche la professionalità dello staff. Bongiorni ha usato il termine dignità per sottolineare come sia proprio questa la parola chiave di tutta la vicenda.

E' stato, quindi, il turno di Claudio Polonia che non ha voluto ripetersi andando a spiegare per l'ennesima volta le proprie ragioni e i motivi che lo avevano spinto a compiere quelle opere abusive. Ha, invece, denunciato come siano già arrivate ad alcuni ragazzi, le richieste di altre società di cambiare casacca tanto per la Real Academy non ci sarà futuro alcuno.

Polonia se l'è presa, in particolare, con l'assessore allo sport del comune di Lucca, Fabio Barsanti, il quale, a suo avviso, sbaglia di grosso quando sostiene di potersi interessare alla sistemazione degli atleti una volta che la struttura verrà tolta dalle mani di Polonia: "L'impianto è una cosa - ha detto quest'ultimo - e la società sportiva un'altra. I tesserati della Real Academy non possono essere trasferiti da una società all'altra a seconda di quello che chiede e preferisce l'assessore. Inoltre una cosa deve essere chiara: se mi toglieranno la concessione, è ovvio che io non lascerò qui tutto quello che ho fatto e il campo, dopo qualche settimana, tornerà ad assere come quando l'ho preso in gestione io, ossia una discarica a cielo aperto con l'erba alta un metro perché voglio proprio vedere chi pagherà come faccio io due persone che tutto il giorno curano il prato e tutto il resto".

"Io non voglio entrare nel merito - ha detto in un intervento Isabella Macchini, mamma di uno dei giocatori -  E' chiaro che è una questione politica e io non ci voglio entrare. A me interessa che mio figlio, che i nostri figli possano continuare a giocare e ad usufruire di un impianto che è davvero una eccellenza. Ora che abbiamo trovato quel che cercavamo, non vedo per quale ragione dovremmo veder crollare tutto. Sono pronta a costituire il comitato dei genitori e anche a recarmi in visita dall'assessore o dal sindaco. Dobbiamo fare qualcosa altrimenti presto i nostri figli non sapranno più dove né come fare sport e qui, con i loro allenatori seri e professionalmente preparati, non solo lo fanno bene, ma si trovano loro stessi benissimo sotto tutti gli aspetti".

Al termine della serata è stato deciso di costituirsi in comitato così da poter essere rappresentati meglio nelle proprie istanze. "Ho chiesto la sanatoria che mi spetta se non, come dice l'assessore, in quanto titolare del diritto di concessione, almeno come responsabile degli abusi posti in essere. Invece il comune non ne vuole sapere arrecando, così, un danno anche alla collettività perché comunque dovrei pagare una multa salatissima". Polonia ci tiene a non andare allo scontro, ma vuole che la sua creatura possa continuare a far divertire e star bene i ragazzi. Che si tratti di un gioiello, c'è ben poco da dire: oggi, nel piazzale, ci saranno state alcune centinaia di auto per un torneo che sta attirando grande visibilità. 

Vale davvero la pena buttare tutto a quel paese o si può salvare qualcosa? 

Foto Ciprian Gheorghita

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Presidio a favore del popolo palestinese organizzato il 24 maggio alle 17 in piazza San Michele di…

Domani, martedì 21 maggio dalle 15.30 a 17.00, l'Informagiovani di via delle Trombe organizza con Cultural Care Au-Pair un incontro in…

Spazio disponibilie

Tappa lucchese per il ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini. La rappresentante del Governo,  nonché…

Fossi dell'arte in piazza San Francesco 8 giugno dalle 16 alle 21. Sesta edizione organizzata con l'associazione Ucai di Lucca,…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Eccoci all'ultimo appuntamento prima del periodo estivo - Domenica 19 maggio a Capannori in Piazza Aldo Moro con…

L'associazione Amici di Enrico Pea con la Provincia di Lucca invitano alla presentazione del libro "Leggera cura'" quando…

Si svolgerà questa mattina sabato 18 maggio alle ore 11 presso il giardino interno dell’Istituto Pellegrini Carmignani in via Roma…

Spazio disponibilie

Si svolgerà questa mattina sabato 18 maggio alle ore 11 presso il giardino interno dell’Istituto Pellegrini Carmignani in via Roma…

Il Circolo Culturale "L'Agorà" di Reggio Calabria, ha organizzato un incontro…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie