Anno XI 
Mercoledì 17 Agosto 2022
- GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie

Scritto da andrea cosimini
Cultura
04 Agosto 2022

Visite: 202

Quanto ci manca Giorgio Gaber? Quella lucidità di pensiero, quella sferzante ironia, quella satira pungente. E poi: quanto ci manca il suo sorriso? La sua arguta simpatia, la sua gioia contagiosa, la sua rasserenante pace nello sguardo...

Tanto. Gaber ci manca un sacco. Chissà cosa direbbe, ad esempio, del teatrino politico a cui oggi stiamo assistendo; chissà come canterebbe questi terribili anni di pandemia che, in un modo o nell'altro, ci hanno resi più diffidenti verso il prossimo, più isole e meno ponti, più automi e meno autonomi nel pensiero; chissà come interpreterebbe la paura, il cinismo e la rabbia repressa che ci rode dentro; chissà, infine, quale messaggio da lassù, sul palco, vorrebbe lasciarci per vederci sorridere almeno un po', nonostante tutto. Per dirci che, in fondo, il futuro - seppur camuffato da minaccia - sarà sempre una promessa per chi osa sognare...

Non lo sapremo mai perché sulla giostra della vita si sale solo una volta e non è concesso un secondo giro. Una cosa però la sappiamo: tutto quello che Giorgio ha scritto, recitato e cantato per noi; quel repertorio prezioso che ci ha lasciato su carta, video e nastro; quella splendida raccolta di testi che troppo sbrigativamente è stata archiviata sotto la voce "cantautorato", ma che un giorno - chissà - potrà essere promossa nel reparto "letteratura"; ebbene, tutto questo immenso patrimonio umano vive ancora. Si nutre, respira. Ci parla. È lì che come brace sotto la cenere, aspetta solo il soffio di qualche bravo oratore che ne ravvivi la fiamma.

Appunto. Questa sera, a Castelnuovo, quel rogo ha ripreso ad ardere. Merito di uno storyteller d'eccezione, lo scrittore e drammaturgo fiorentino Stefano Massini, che, circondato da un'orchestra di otto elementi, ha saputo far rivivere il messaggio del Signor G sotto forma di musica e di testo. Lo ha fatto nella splendida cornice della fortezza, all'interno del festival "Mont'Alfonso sotto le stelle", utilizzando una formula inedita ed originale: quella del racconto di storie, apparentemente sconnesse dall'universo gaberiano, ma, in realtà, perfettamente congruenti con le canzoni dello stesso autore. 

Massini ha pescato dalla cronaca gli episodi più cruenti, significativi e rivelatori per poi avvalersi dei testi delle canzoni di Gaber come possibile chiave interpretativa. Quello che ne è uscito fuori è un concentrato di emozioni che il noto volto televisivo ha condiviso con gli spettatori, quando recitando - in piedi - quando cantando - da seduto.

Filo conduttore di tutto lo spettacolo è stato il dubbio. Esatto, il dubbio. Quello sgradito, faticoso, noioso tarlo che facciamo fatica ad accogliere e nutrire; quello scomodo gradino che ci viene chiesto, ogni volta, di salire; quell'incognita x che rende oscura l'equazione della nostra esistenza. Non è un capriccio, è un'esigenza allenarsi al dubbio.

In un mondo che svende certezze al primo offerente, ben vengano i venditori di incognite. 

Foto di Andrea Cosimini

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

EstatecinemA con le sue proiezioni sotto le stelle nel parco di Villa Bottini prosegue fino all’11 settembre, con quattro settimane…

Il comune di Lucca comunica che nelle prossime settimane verrà attivato un piano per la tutela e la…

Spazio disponibilie

Venerdì 19 agosto è in programma l'ultimo dei tre incontri del ciclo "Obiettivo su Viareggio".

E’ stata fissata a lunedì 22 agosto alle ore 20.00 la scadenza per la presentazione di liste e candidati per…

Spazio disponibilie

La Lucchese 1905 comunica che prosegue la campagna abbonamenti ‘Insieme Con Voi’.Le tessere potranno essere acquistate dai tifosi rossoneri…

Prosegue la campagna di pagamento del Bonus 200 euro da parte dell'Inps. Come stabilito dalla circolare 73/2022, nel mese…

Profondo cordoglio per la scomparsa di Valerio Mennini da parte dei parlamentari toscani di Forza Italia Sen. Massimo Mallegni e Roberto Berardi e On. Deborah Bergamini ed Erica Mazzetti,…

Si chiama MAST e sta per Museo di Altopascio Spedale del Tau: un percorso museale completamente accessibile sulla storia di Altopascio, che potrebbe…

Spazio disponibilie

Ci lascia "il re delle scarpe". Sabato mattina è morto all'età di 90 anni Bruno Magnelli, noto imprenditore nel settore…

La società Lucchese 1905 comunica che l'incarico di team manager per questa stagione è stato affidato a Mauro Matteoni. Moreno…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie