Anno XI 
Martedì 24 Maggio 2022
- GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Ce n'è anche per Cecco a cena
03 Maggio 2022

Visite: 647

C'è un limite o, almeno, dovrebbe esserci un limite non tanto al peggio, quanto all'imbecillità e alla sua cugina di primo grado, l'ignoranza. Invece, come diceva il nostro grande maestro di giornalismo - non fu il solo, di maestro - Alberto Marcolin direttore del quotidiano La Nazione quando esserlo aveva un senso e un merito, al peggio non c'è mai fine. Non che noi avessimo qualche simpatia per un presidente che è stato tra i massimi dirigenti di una delle associazioni a delinquere più infami del pianeta, il famigerato Kgb, servizio segreto dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. Ma prima di dare giudizi affrettati sull'attule conflitto anzi, sull'aggressione che la Russia ha perpetrato nei confronti dell'Ucraina, ci pensiamo sempre due volte e anche di più. Ciònonostante, le affermazioni dell'altro giorno del ministro degli esteri della federazione russa Serghej Lavrov, ci hanno tolto definitivamente, ammesso che le avessimo, le fette di prosciutto dagli occhi. Quando il capo della diplomazia di un Paese che, a tutti gli effetti, è la terza potenza mondiale, se ne esce come i dolori con frasi che assomigliano molto ad analoghe affermazioni rilasciate in epoche in cui la strumentalizzazione politica e la menzogna eretta a sistema erano la regola - da Stalina a Hitler a Mussolini - bene, allora tutto ciò che questo Paese compie diventa quantomeno sospetto. Sì, perché sostenere che Hitler era ebreo o che aveva origini ebree è una bestemmia che non ha eguali. Aggiungere, poi, che i peggiori antisemiti sarebbero proprio gli stessi ebrei, beh, meriterebbe una fucilazione all'istante per la figura barbina fatta fare dalla Russia di fronte al mondo.

Noi non ci siamo sentiti offesi in quanto ebrei, ma se ebrei fossimo stati, di sicuro avremmo definito quest'uomo e le sue parole pura immondizia. Ci siamo, però, sentiti oltraggiati e presi in giro in quanto esseri pensanti che hanno sempre avuto un profondo rispetto per la verità storica senza alcun tipo di condizionamento politico e di colore. Che Hitler avesse origin ebree era una voce per non dire peggio che circolava negli stessi ambienti politici tedeschi, ma le indagini effettuate all'epoca dimostrarono incontrovertibilmente che Adolf Hitler non aveva, se così si può dire, sangue ebreo nelle proprie vene.

Sostenere il contrario con tutto il resto aggiunto dimostra che chi governa il mondo, sempre più spesso, è figlio dell'ambizione e della sete di potere piuttosto che del desiderio di aiutare l'umanità e il proprio Paese ad essere migliori e a sperare in un futuro migliore. Non è, forse, un caso che proprio dalla Russia imperiale zarista emergesse uno dei più vergognosi casi di quelle che sarebbero state definite, un secolo dopo e ai nostri giorni, fake news. Peccato, però, che per quelle spudorate falsità, milioni di ebrei innocenti furono mandati al macello prendendo spunto dai cosiddetti Protocolli dei savi anziani di Sion, un libercolo e un falso documentale creato appositamente dall'Ochrana, la polizia segreta zarista, con l'obiettivo di diffondere l'odio verso gli ebrei. Che i russi siano abituati alle menzogne di un Paese dove non è mai esistita la libertà di stampa, è lapalissiano. Basterebbe andare a rileggersi ciò che Lenin e Stalin, in nome del comunismo, hanno perpetrato nel corso dei decenni mandando a morte non senza prima avere estirpato allucinanti confessioni, anche coloro che avevano contribuito al progresso e alla vittoria del neostato comunista.

Il crollo del Muro di Berlino e la devastazione dell'Urss sembravano aprire ad un nuovo ciclo in particolare dal punto di vista della libertà del popolo russo. Purtroppo, non è stato così e, adesso, lo è ancora di meno visto il clma di rigida censura applicato nei confini dell'ex Unione Sovietica.

Lavrov, è sufficiente guardarlo per dire che assomiglia, nel muso, decisamente ad un alano, ha dimostrato di essere solo e soltanto un servo sciocco al servizio del proprio padrone. Esistono tanti servitori intelligenti che preferiscono vendere la propria anima al potente di turno, ma lui, con le sue affermazioni, non è stato capace di fare altro che mostrarsi per quello che è: un essere privo di senso e di spessore.

Pin It
avv-chiara-francesconi 400
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Anna Ascani, sottosegretaria allo sviluppo economico del governo Draghi, sarà a Lucca a sostegno del candidato sindaco del centrosinistra Francesco…

Continuano gli incontri sul territorio di Francesco Raspini, candidato sindaco per la coalizione di centrosinistra per le elezioni del 12…

Spazio disponibilie

Verrà messa in esercizio durante la giornata di mercoledì la nuova tubazione di acquedotto in via dei Dorini a…

In occasione della giornata della memoria delle vittime innocenti delle mafie, tenutasi il 21 marzo, l'ISI "Sandro Pertini", ha…

Iscrizione fossi dell'arte per gli artisti interessati a partecipare con opere di pittura, fotografia, ceramica, illustrazione, e scultura possono contattare…

Al Bagno Biondetti, uno dei bagni più frequentati e apprezzati del lungomare di Marina di Pietrasanta, rinnovato negli arredi nel…

Spazio disponibilie

La deputata Erica Mazzetti e il Senatore Massimo Mallegni di Forza Italia organizzano per venerdì 27 maggio una doppia presentazione di "Lobby e Logge", il nuovo libro…

Non si ferma l’emorragia di medici che, sempre più demotivati, lasciano il pronto-soccorso procurando – non per colpa loro –…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie