Anno XI 
Mercoledì 21 Febbraio 2024
- GIORNALE NON VACCINATO
polonia
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Cronaca
02 Dicembre 2023

Visite: 543

Nel pomeriggio della scorsa domenica (26 novembre) una signora, in quel momento fuori città, chiamava il 112 NUE perché con il sensore di movimento collegato al suo smartphone rilevava una presenza fuori dal suo appartamento, in un condominio in via Passamonti a Lucca. La segnalazione era precisa e il soggetto compiutamente descritto nell’abbigliamento e nelle fattezze. La Volante della polizia repentinamente sul posto intercettava un soggetto corrispondente alla descrizione dell’utente proprio mentre si stava allontanando dal condominio.
Da un accurato e approfondito controllo il soggetto, georgiano di 27 anni, pluripregiudicato per reati specifici e residente a Pisa, è risultato in possesso di chiavi alterate e grimaldelli, ben occultati sotto la suoletta delle scarpe.
Denunciato in stato di libertà possesso ingiustificato di grimaldelli, la sua posizione sarà sottoposta al vaglio del locale Ufficio Anticrimine per l’emissione di un Foglio di via obbligatorio dalla città. 

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie e il fisiologico aumento dei reati predatori, e in particolare dei furti in abitazione, si coglie l’occasione del ritrovamento di queste chiavi alterate e grimaldelli per dare un messaggio ai cittadini affinché l’attività preventiva e repressiva possa in essere dalla Polizia di Stato con il rafforzamento dei controlli sul territorio possa essere maggiormente efficace grazie alla “partecipazione” di ogni singolo membro della nostra comunità.

Il furto in abitazione è un reato particolarmente odioso perché oltre al danno economico la vittima subisce anche una violenza morale dovuta alla violazione della propria privacy nel posto dove invece vorrebbe e dovrebbe sentirsi più sicuro, a casa propria.

Il furto in abitazione è, per lo più, un reato opportunistico di criminalità diffusa. Possono esserci, certo, anche furti specifici su commissione ma il nostro Comune che prevalentemente interessato dai furti occasionali.

Gli autori sono solitamente in “trasferta” cioè vengono da fuori città, si trattengono alcuni giorni, visitano il maggior numero di case possibili e vanno via. 
Se si muovono in treno le zone più colpite sono quelle del centro storico e delle abitazioni che insistono lungo la linea ferroviaria cittadina.
Se sono muniti di vetture si spostano anche nelle zone di periferia. Solitamente si muovono in gruppi da almeno due o tre persone con i complici che fanno da “palo”. In caso di utilizzo di autovetture chi deve commettere materialmente il fatto viene lasciato a qualche centinaia di metri mentre il complice aspetta parcheggiato in un posto sicuro.
Non sono fortunatamente autori violenti, nel senso che anche quando sono stati scoperti dai proprietari di casa si sono allontanati senza commettere atti di forza.
Solitamente arrivano in città durante la mattinata e fanno sopralluoghi per poi tentare i colpi nel primo pomeriggio o serata, quando presumono che i proprietari di casa siano a passeggio o al lavoro.
Tutto questo per spiegare che a fronte di questo tipo di delinquenza, oltre al rafforzamento dei controlli da parte delle Forze dell’Ordine, è fondamentale adottare alcuni semplici accorgimenti che andando ad aumentare la sicurezza passiva delle nostre case farà desistere i ladri dal tentare l’ingresso.
Da un’analisi delle denunce che vengono ricevute presso l’Ufficio Denunce di questo Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico si evince che le case che cadono nel mirino dei ladri sono povere se non addirittura completamente prive di qualsivoglia misura di sicurezza passiva.
Ecco perché con questo incontro si vogliono suggerire alcuni semplici e pratici accorgimenti che possono rendere le nostre case più sicure, creando ostacoli tali che possano far desistere i ladri dal loro intento.

Sicurezza delle abitazioni:

1.    Le porte di ingresso devono essere solide possibilmente blindate con cilindro europeo di sicurezza;
2.    Le finestre dovrebbero essere antisfondamento o con le sbarre antifurto;
3.    Eventuali tubature esterne che possono essere usate per arrampicarsi vanno messe in sicurezza;
4.    Se si vive in condominio far mettere il portoncino blindato anche all’ingresso del condominio e all’ingresso del terrazzo comune;
5.    Sia in condominio che in casa isolata non aprire il cancello o il portone senza essersi prima assicurati dell’identità di chi vuole entrare;
6.    In case isolate curare la potatura delle siepi per permettere una vigilanza su ciò che succede all’interno, mantenendo l’area illuminata, magari con accensione con sensori di movimento. Penalizza la privacy ma offre maggiore sicurezza;
7.    Installare un sistema di allarme e attivarlo sempre quando si esce;
8.    Non tenete in casa danaro o beni di ingente valore. Se non potete farne a meno teneteli in cassaforte, ben murata, e le cui chiavi siano ben custodite;
9.    Installare un sistema di videosorveglianza; oggi in commercio se ne trovano diversi con una spesa irrisoria;
10.    Evitare di tenere porte o finestre aperte se non necessario e non lasciare le chiavi attaccate all’esterno del portone anche se ci si allontana per pochi minuti;

In caso di partenza per le vacanze

1.    Non lasciate valori in casa;
2.    Incaricate una persona fidata a cui potete anche lasciare le chiavi di casa a ritirare la posta, parcheggiare la sua auto nel vostro vialetto, fare controlli saltuari lasciando anche la luce accesa per qualche ora, o accendendo lo stereo;
3.    Non “postate” o condividete sui social la vostra vacanza o altre foto che possono far capire che non siete a casa;
4.    Quando tornate a casa, se notate la porta socchiusa o qualcosa di strano, toccate il meno possibile e chiamate il 112NUE, potrebbero esserci i ladri ancora all’interno o potrebbero esserci tracce utili che potreste inquinare.

Sicurezza partecipata nel quartiere

1.    Cercate di creare una rete sociale di condivisione (un gruppo whatsapp o altro) con cui condividere targhe di auto/moto o foto di persone sospette che dovessero aggirarsi in zona. Un referente per ogni quartiere potrà mettersi in contatto con la Polizia di Stato per segnalare i movimenti sospetti.

In ogni caso chiamare sempre il 112NUE per ogni dubbio, segnalazione o esigenze.


Applicativo YOUPOL

Per chi usa lo smartphone è disponibile l’applicazione YOUPOL, sistema di messaggistica istantanea con la Polizia di Stato della vostra zona. Permette di attivare un sistema di messaggistica istantanea con la Sala Operativa della Polizia di Stato e inviare anche foto o video.

Foto Ciprian Gheorghita

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Sono tre ragazzi lucchesi che hanno dato vita a un progetto originale e interessante: la riproposizione di sonorità…

Spazio disponibilie

Convocare consigli comunali straordinari e aperti per commemorare la figura di Alexey Navalny, “il più coraggioso ed eroico avversario…

Il Comune di Lucca ha posizionato in piazza San Salvatore, dove prima stazionavano i mezzi della Misericordia, nuove panchine e…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Vittorio Fantozzi, consigliere regionale di Fratelli d'Italia, dice la sua a proposito dell'incattivirsi dell'armosfera politica a Lucca e…

Sabato 24 febbraio dalle ore 19 presso le sale parrocchiali della chiesa di Monte San Quirico si svolgerà…

Da martedì 20 febbraio alle ore 21, sul canale youtube della Diocesi di Lucca, iniziano gli appuntamenti dei martedì…

Spazio disponibilie

A causa di una temporanea occupazione di suolo pubblico legato al cantiere in corso per la riqualificazione di piazza del…

Quattro grandi personaggi sportivi stasera a Capannori alla nuova presentazione del libro scritto da Paolo Bottari sull’ex calciatore…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie