Anno XI 
Lunedì 3 Ottobre 2022
- GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Economia e lavoro
19 Settembre 2022

Visite: 153

La proroga del blocco di nuovo aperture di pubblici esercizi nel centro storico fino al 31 dicembre 2022 era un atto dovuto. Un provvedimento tampone che la nuova giunta ha preso per evitare un vuoto normativo alla scadenza della precedente moratoria e nell’impossibilità, visto il suo recente insediamento, di procedere ad un atto più strutturato. Atto al quale dobbiamo lavorare tutti insieme, comune e associazioni di categoria, da subito”.

Confesercenti Toscana Nord, con il suo presidente area lucchese Francesco Domenici e con il responsabile centro storico Massimiliano Giambastiani, intervengono sulla proroga al blocco delle aperture nel centro storico di nuove attività legate alla ristorazione e somministrazione che era scaduta.

Diamo atto all’assessore Paola Granucci ed alla giunta – spiegano Domenici e Giambastiani di essere intervenuti con questo atto ponte da noi sollecitato sia dal primo incontro avuto, per evitare che un vuoto normativo potesse portare ad una corsa all’apertura. Ora però bisogna pensare ad un provvedimento strutturale, con una durata minima di due anni, che dovrà scattare dal 1° gennaio”. Secondo Confesercenti Toscana Nord “il canovaccio deve essere lo stesso di quello prorogato, con un occhio particolare anche agli insediamenti della grande distruzione. A nostro avviso potrebbero essere allargate le maglia ad attività specifiche come pescherie, rivendite di pane, attività artigianali di panificazione e le rivendite di frutta e verdura, purché presentino atto unilaterale di obbligo di impegno a non vendere alcol, che comunque andrebbero ad arricchire l’offerta commerciale del nostro centro storico”.

Secondo i vertici lucchesi dell’associazione il prossimo provvedimento dovrebbe anche prevedere “incentivi a nuove aperture ovviamente di settori merceologici diversi da quelli del blocco. Stiamo assistendo purtroppo ad una serie di chiusure di attività nel centro storico che vanno ad impoverire non solo l’offerta ma anche l’immagine del centro stesso con i tanti fondi sfitti. Il nuovo atto – concludono Domenici e Giambastianipotrebbe essere l’occasione per offrire incentivi, ad esempio con una detassazione dei tributi locali limitata nel tempo, per ripopolare le nostre strade con una evidente crescita dell’immagine commerciale della città in questa fase di ripartenza post Covid”.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Domani, martedì 4 ottobre, i due complessi di San Romano e San Micheletto nel centro storico di Lucca, apriranno le…

Dopo le ben riuscite edizioni effettuate la trascorsa stagione invernale, domenica 9 ottobre, dalle ore 9 alle ore 18, torna,…

Spazio disponibilie

Aperte le iscrizioni per diventare scrutatori e presidenti di seggio nel comune di Altopascio. I cittadini interessati a far…

Prenderà il via martedì 11 ottobre al centro per le…

Spazio disponibilie

Al via anche sul territorio del comune di Lucca la nuova edizione del Censimento Permanente della popolazione e delle abitazioni…

Due giorni di porte aperte e prove gratuite il 5 e 6 ottobre: la Cattiva Compagnia, compagnia…

Nei locali della Biblioteca Comunale decentrata “M.Tobino” di Camigliano si svolgeranno corsi di Inglese per…

Martedì 4 ottobre alle 16 presso la Sala di Rappresentanza del Palazzo della…

Spazio disponibilie

Sasha Mencaroni si ferma ai quarti di finale degli europei Junior di pugilato di Montesilvano, dopo la sconfitta ai punti…

"'Sharing is caring': questo è il mio motto e questo è ciò che vorrei venisse portato avanti sempre da…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie