Anno XI 
Giovedì 19 Maggio 2022
- GIORNALE NON VACCINATO

Scritto da Redazione
Politica
14 Maggio 2022

Visite: 751

Lucca supera Lucca, con la conoscenza dei problemi, la capacità di far accadere le cose con una visione chiara e l'affidabilità. Una Lucca delle persone; una Lucca dei diritti, delle famiglie e del benessere di comunità; una Lucca dello sport, della salute; una Lucca capitale della cultura, della musica e del turismo; una Lucca dell'ambiente, dello sviluppo sostenibile, del lavoro e delle infrastrutture; una Lucca della scuola e della formazione; una Lucca dei giovani, protagonista anche di un ricambio generazionale. Eccola qui la Lucca del futuro, immaginata e progettata da Francesco Raspini, candidato sindaco per le elezioni comunali del 12 giugno 2022, e dalla coalizione di centrosinistra. La presentazione è avvenuta ieri sera (venerdì 13 maggio) in una piazza San Francesco gremita con circa 400 persone. Un programma, quello raccontato e distribuito in piazza, che è il frutto del lavoro di partecipazione partito nei mesi scorsi: "un programma nato e sviluppato dal basso, come dal basso è nata ed è cresciuta la mia candidatura e tutto questo progetto", ha sintetizzato il candidato sindaco Raspini, che ogni giorno gira il territorio anche grazie al fittissimo calendario di appuntamenti e incontri ribattezzato Tour 84, tante quante sono le frazioni che compongono il territorio comunale di Lucca.
"La visione che abbiamo per i prossimi 5 e 10 anni per Lucca - ha detto Francesco Raspini - sarà duplice. Da un lato dobbiamo guardare lontano, al ruolo che Lucca può e deve riconquistare nell'area vasta della Costa, in relazione non solo con la Regione, ma con tutta Italia e l'Europa. Una Lucca che può diventare snodo strategico per uno sviluppo di tutta la Piana e che faccia da traino a un'ulteriore crescita dell'area costiera, contribuendo, quindi, a un sempre più armonico sviluppo regionale. Ma accanto a questo sguardo ne serve un altro, più locale. Ottantaquattro frazioni da valorizzare e far crescere tenendo conto delle diverse esigenze e necessità di ciascuna zona: un percorso di progressivo avvicinamento tra centro e periferie, con servizi di prossimità, iniziative, cura, decoro e sicurezza. E soprattutto, occasioni per favorire la socialità. Sarà un tema fondamentale dei prossimi anni: ricostruire la vicinanza tra le persone. Veniamo da due anni in cui la socialità è stata fortemente ridimensionata, ci siamo abituati a stare soli, lontani. Dobbiamo invertire questa tendenza, nonostante il periodo storico che stiamo vivendo e la guerra in Ucraina ci restituiscano, inevitabilmente, un clima di paure e preoccupazioni".  "La Lucca che vogliamo - prosegue - è una città dove si scelga di restare, di tornare, di investire, di trasferirsi. Dove i giovani possano trovare le occasioni che cercano e meritano, al pari delle grandi città. Dove le aziende possano trovare terreno fertile per i loro investimenti, per il loro sviluppo imprenditoriale e produttivo. Una città che sia attrattiva, sotto tutti i punti di vista. Per fare questo, abbiamo tre elementi chiave imprescindibili: conoscenza, capacità di far accadere le cose grazie a una visione chiara, affidabilità. Serve conoscenza dei problemi del territorio e della macchina amministrativa: noi sul territorio ci siamo sempre stati, con i problemi già risolti e con quelli ancora da gestire. La conoscenza della macchina comunale, degli uffici, di "chi fa cosa", dei tempi tecnici imposti dai bandi, della burocrazia, di ciò che serve per mettere le ali ai piedi di una città che sta per spiccare il volo, perché non c'è un minuto da perdere. Serve la competenza che si traduce in capacità di far accadere le cose grazie a una visione chiara, che ci permette di presentare progetti credibili, finanziabili e fattibili: lo abbiamo fatto con i fondi del PNRR, grazie ai quali Lucca ha già 30 milioni di euro da spendere in progetti già pronti; con altri progetti già finanziabili; lo abbiamo fatto riuscendo ad attirare finanziamenti e investimenti indispensabili. Di fronte a questa mole di risorse, sarà essenziale non perdere nemmeno un minuto, perché i progetti possano essere trasformati in opere concrete e reali per la città: questa sarà la sfida di chiunque governerà Lucca. Penso in primo luogo al tema della mobilità, alla necessità di realizzare collegamenti e infrastrutture sostenibili e moderni tra i grandi capoluoghi della Costa, come vogliamo fare grazie alla futura metropolitana di superficie e al nuovo hub della mobilità alla stazione. Penso a nuovi spazi per la socialità e per il commercio, al rilancio del Mercato del Carmine recentemente affidato a una società di giovani imprenditori; penso a nuovi impianti sportivi; penso a un ruolo nuovo del Comune nella tutela e nella promozione della salute. E infine l'affidabilità di una squadra di governo coesa, unita, affiatata come è la nostra coalizione, bellissima ed eterogenea grazie a ognuno dei 180 candidati. Una squadra di persone serie e appassionate: la migliore garanzia per Lucca, per non farla ripiombare nella paralisi, nell'immobilismo e nella litigiosità che contraddistinguono tutti i nostri avversari. Abbiamo le carte in regola per scrivere una nuova storia per Lucca".

IL PROGRAMMA. La Lucca della coalizione di centrosinistra guidata da Francesco Raspini sarà una Lucca delle persone, con una particolare attenzione alle periferie: cura e decoro, sicurezza e servizi, un nuovo modo di intendere i rapporti tra amministrazione e cittadini con i consigli di quartiere che nascono sulla scorta delle ex-circoscrizioni. Una città che si dedica gli altri, con nuovi spazi per la socialità come parchi, piazze, luoghi da destinare all'aggregazione e al confronto, per i giovani e non solo. 

Una Lucca dei diritti, delle famiglie e del benessere di comunità, dove si ha il coraggio di guardare il mondo con gli occhi di chi è più fragile. Attenzione, dunque, alle necessità di tutti i cittadini rendendo Lucca, in una parola, accessibile: nei servizi, nei luoghi, nelle possibilità di lavoro e di crescita. 

Una Lucca dello sport, con un maxi-piano di investimenti (circa 20 milioni di euro) da destinare alla realizzazione di nuovi impianti sportivi e con la precisa volontà di riqualificare almeno un impianto di base all'anno. Quando si parla di sport, infatti, si parla prima di tutto di socialità, di aggregazione di possibilità, di riscatto sociale: investire nello sport significa investire sui giovani, sulla loro crescita. E significa anche dare un input di grande riqualificazione urbana, che torna a far vivere luoghi altrimenti abbandonati. 

Sarà una Lucca della salute, con l'intento chiaro di dare al futuro sindaco un ruolo da protagonista nella sanità locale, capace di far sentire la propria voce e quella dei pazienti e degli operatori sanitari. 

Sarà una Lucca capitale, con il progetto di candidare la città a Capitale della Cultura nel 2026 e promuovendo una sinergia artistica e culturale che permetta di avere un calendario di eventi tutto l'anno e su tutto il territorio. Una Lucca dove sia le grandi manifestazioni che le piccole realtà abbiano la possibilità di realizzarsi al meglio. Una città che sia culla di cultura e di opportunità, dando ai giovani reali occasioni e spazi dove esprimere la loro creatività: qui si inserisce, infatti, la proposta della realizzazione dell'Arena della Musica nell'area dello skate park lungo il Parco Fluviale. 

E ancora: una Lucca dell'ambiente, città carbon neutrale entro il 2030, attenta alle necessità del territorio che ci circonda, consapevole della necessità di un cambio di passo verso le energie rinnovabili e verso la sostenibilità ambientale. 

Una Lucca dello sviluppo e delle infrastrutture, delle grandi opere - asse suburbano, hub mobilità sostenibile alla stazione, scalo merci, sottopasso ciclopedonale alla stazione, metropolitana di superficie - che cambieranno il volto alla città, di opportunità per le aziende, giovani e non solo, con spazi adatti per il co-working e una connettività stabile e forte su tutto il territorio. 

Infine, una Lucca della scuola e della formazione da cui passa la crescita e il superamento delle disuguaglianze. Il ruolo della scuola, in ambito non soltanto didattico, sarà di fondamentale importanza per costruire le generazioni di domani: aperte, inclusive, accoglienti, forti. E qui inseriamo anche l'idea di realizzare la scuola volàno, per dare agli studenti e al mondo scolastico spazi adeguati in cui studiare durante l'esecuzione di lavori di ristrutturazione importanti e complessi. 

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Si svolgerà venerdì 20 maggio alle 18, all'interno della Biblioteca Civica Agorà, la presentazione del volume "FUORI!!! 1971-1974" (Nero…

Alla Toscotec Spa di Marlia (una delle principali aziende metalmeccaniche di progettazione e produzione di macchinari, sistemi e componenti per…

Spazio disponibilie

Alberto Veronesi ha chiesto stamani anche a nome di altri candidati a sindaco l'appuntamento con il prefetto e il sindaco…

La lista Centrodestra per Barsanti si arricchisce di nomi storici del centrodestra anche nello staff. A coordinare i candidati -…

Spazio disponibilie

Roberto Spinelli e Celestino Marchini di “Impegno civico per Lucca” indirizzano una lettera all’elettore lucchese indeciso in vista delle prossime amministrative

Il Comune di Lucca ha trasferito alla Fondazione Puccini la piena titolarità dei marchi d'impresa e dei domini…

Spazio disponibilie

Giovanni Ricci, coordinatore provinciale di Forza Italia giovani Lucca, in relazione al progetto di installazione delle nuove ringhiere nella…

La Banca del Monte di Lucca ha circa 600 anni, essendo stato uno dei primi Monti di Pietà della…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Duetto - 160
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie